F1 | Sauber C36: ecco la forma delle monoposto 2017

E’ stata presentata la Sauber c36, la prima vettura “reale” del 2017.

Come era stato annunciato, la prima squadra a presentare le immagini reali della monoposto 2017, è stata la Sauber. La prima caratteristica che salta all’occhio è una livrea molto accattivante, un mix di bianco, blu e dettagli oro. Il team svizzero ha realizzato questa livrea per celebrare i 25 anni in F1.

Passando ai dettagli tecnici, è possibile vedere un muso “a nasino” simile a quello visto l’anno scorso. L’ala anteriore ha la forma a freccia prescritta dal regolamento, e la parte esterna risulta elaborata. Balzano all’occhio le appendici esterne, molto svasate, per deviare l’aria all’esterno delle ruote.

Più oltre vediamo i deviatori di flusso, nuovamente permessi, che hanno una forma a S e una “pinna” verticale nella parte iniziale.

Nella parte posteriore si concentra la maggior parte delle novità. Si notano un notevole aumento del passo; l’airbox diviso in due parti, simile a quello della Mercedes nel 2012; le prese d’aria delle pance abbastanza piccole, e le pance stesse, molto svasate nella parte posteriore; Le bandelle laterali più ampie, e una serie di appendici alla base. Si nota anche la pinna del cofano motore, anche questa un ritorno dopo che i precedenti regolamenti l’avevano vietata.

Il fondo è molto più lungo. Presenta uno scalino nella parte esterna, e una serie di soffiaggi rivolti all’esterno. Queste caratteristiche saranno volte a migliorare i flussi intorno alle ruote posteriori, e a far lavorare in modo adeguato il diffusore, molto più lungo e alto. L’ala posteriore più larga risulta svasata nella parte esterna, e i deflettori laterali presentano dei soffiaggi, già visti in passato.

La C36 rispetta le aspettative sulle nuove monoposto – passo allungato, pinna sul cofano, fondo più complesso – ma presenta alcune caratteristiche originali. Su tutte, la forma dei bargeboard e dell’airbox. Se la livrea è di sicuro effetto, la pista sarà la prova del nove sulla bontà della monoposto. A Hinwil si sentono fiduciosi, ma l’adozione della power unit Ferrari 2016 darà un handicap alla Sauber, soprattutto nella seconda parte di stagione. La loro unica speranza è che l’autotelaio sia sufficientemente buono da nascondere le mancanze del propulsore.

 


Marco Bottamini

Seguo la F1 dal 2000, GP di Suzuka... Da allora, il mio amore per la regina del motorsport è diventato indissolubile. Ogni domenica è un rito, un brivido, un'emozione, sull'onda della velocità.