F1 | Tredozi: “Nel 2022 macchine molto simili e McLaren protagonista!”

Gabriele Tredozi ha parlato con noi relativamente alle nuove monoposto di F1 che scenderanno in pista nel 2022. Secondo l’ing. ex Minardi saranno molto diverse dalle showcar che abbiamo visto finora a Silverstone e Monza.

A Pit Talk non mancano mai i temi da affrontare. Nell’ultima puntata si parla anche di futuro, con l’ingegner Tredozi ai nostri microfoni si discute e si parla di 2022.

“Nel 2022 un po’ di movimenti ci saranno ma la maggior parte è contingentata. Sicuramente quella non è la macchina che vedremo ma le macchine saranno comunque molto simili, che convergeranno. E’ chiaro che tante parti caratteristiche ci saranno, perché sono date da regolamento, non si può fare diversamente.”

L’ingegner Tredozi non è totalmente convinto del cambio di regolamento, a livello effettivo, è convinto che la monoposto sarà diversa da quella presentata. Sarà anche compito delle scuderie di analizzare il regolamento e capire come poter modificare la monoposto per trarne vantaggio. Ovvio che si vedranno cose nuove, ma molte parti, componenti saranno simili tra loro. Tutto sommato è quello che la FIA cerca, per equilibrare le performance tra le scuderie.

“Pance, condotti uguali per tutti, la parte del muso basso, saranno molto simili tra loro. Nel 2022 la McLaren potrebbe essere la grande protagonista, ma secondo me ci potrebbe essere una sorpresa di un team che può fare la differenza rispetto a tutti gli altri, che sia la McLaren o la Aston Martin, le quali potranno fare la differenza grazie al regolamento. Potrebbe essere che un team top potrebbe trovarsi in difficoltà.”

Il cambio di regolamento, per quanto limitato, potrebbe lanciare un team che in questi ultimi anni si è fatto strada verso le attuali top, che sia McLaren su tutte. Secondo l’ing. Tredozi anche la Aston Martin potrà dire la sua. La McLaren negli ultimi due anni ha avuto una crescita esponenziale. Culminata con la vittoria nel GP di Monza, la scuderia papaya motorizzata Mercedes avrà grandi aspettative per il 2022.

Sono chiamate anche scuderie come la Ferrari a rilanciarsi, vista l’agevolazione di avere molte parti della monoposto apparentemente uguali tra loro. In F1 lo sappiamo, vince chi è più furbo, chi è più scaltro, ma soprattutto chi ha gli uomini migliori.