F1 Virtual Safety Car: danno o vantaggio ?

11 luglio 2015 – Il Gran Premio di Silverstone è stata la gara del debutto della nuova regola introdotta dalla FIA in caso di incidenti: la Virtual Safety Car. Una regola nuova in Formula 1 ma non nel mondo delle gare automobilistiche, che sin dalla sua introduzione aveva suscitato qualche perplessità ma che a quanto pare ha centrato il proprio obiettivo,: neutralizzare la gara senza dover ricorrere alla Safety Car. 

Regola non nuova, si diceva. Infatti, la neutralizzazione della gara senza l’ausilio di vetture di sicurezza è un accorgimento già in uso, in particolare nel karting, dove i piloti sono tenuti ad abbassare la velocità e a non superarsi, aspettando poi la bandiera verde per la ripartenza. In Formula 1 si è deciso di imporre un tempo minimo, sotto il quale non è possibile scendere. Come detto, questo consente alla direzione gara di non far entrare la Safety Car nelle fasi centrali della gara ed evitare, così, che dopo il ricompattamento del gruppo i piloti siano costretti a una nuova partenza da fermo, visto che la partenza lanciata è possibile solo se la vettura di sicurezza entra nei primi o negli ultimi 5 giri.

Non solo, la novità della Virtual Safety Car ha anche un’ulteriore peculiarità: consente di mantenere i valori in campo, che verrebbero per così dire frustati dall’ingresso della vettura di sicurezza e il ricompattamento del plotone dei piloti. La controindicazione sarebbe, dall’altro lato, che il tempo minimo imposto non garantirebbe che tutti i pioti procedano con lo stesso ritmo, visto che qualcuno potrebbe decidere (anche per cause di forza magiore) di rallentare e quindi perdere decimi o secondi preziosi per il restart.

Una misura che, comunque, ad avviso di chi scrive sembra avere più aspetti positivi che negativi e che probabilmente potrebbe essere estesa anche ad altre categorie.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Cristian Buttazzoni

"Life is about passions. Thank you for sharing mine". (M. Schumacher) Una frase, una scelta di vita. Tutto simboleggiato da un numero, il 27 (rosso, ma non solo)

Lascia un commento