F1 | 35 anni fa la morte di Ronnie Peterson

11 settembre 2013 –  Ronnie Peterson era un uomo vero. Un volto da cinema che celava un pilota dalla guida spettacolare fatta di traversi, virgole in uscita curva e tanto show. Un idolo delle folle in quanto era considerato il più forte pilota in circolazione che se ne andò in un pomeriggio monzese di metà settembre, in uno degli incidenti più controversi e misteriosi della storia.

ronniepetersonUn pilota fortissimo, ma chiuso in un contratto che lo relegava al ruolo di seconda guida alla Lotus nel 1978. Il contratto recitava: colui che deve vincere è Mario Andretti. Peterson deve aiutarlo nell’intento e ha libertà solo quando Andretti ha problemi tecnici. Riga. Poco conta se Peterson sigla il record sul giro, qualche settimana prima prima di morire, in qualifica nonostante gli montino le gomme da gara per uno sberleffo di Colin Chapman (che tra l’altro vide Ronnie “super-swede” Peterson salutarlo al suo rientro ai box con un bel dito medio).

Quel maledetto week-end a Monza, pista che amava e dove vinse 3 volte, la sua Wing Car la Lotus 79 è carica di problemi. Mentre Andretti stampa la pole, Peterson è solo quinto e deve correre con la vecchia e lenta Lotus 78, adibita a muletto, perchè la sua 79 ufficiale è stata irreparabilmente danneggiata in un incidente nel warm – up. Fu un meccanico a sbagliare lo spurgo dei freni, e Peterson andò contro le gomme alla prima variante.

Al via la variante Good-Year (oggi prima variante) diventa improvvisamente un inferno. La Lotus di Peterson picchia contro il guard rail alla sua destra, rimbalza, schianta contro il rail dalla parte opposta per poi fermare la sua folle corse a centro pista. Nell’incidente rimangono coinvolte le vetture di: Hunt, Patrese, Brambilla, Pironi, Stuck, Reutmann, Daly e Depailler. In un primo momento il più grave era Brambilla, praticamente già in coma perchè colpito alla testa da una ruota della Lotus di Peterson. Ronnie viene estratto dalla vettura in fiamme da Hunt e Merzario (fermatosi appositamente) con le gambe massacrate ma è cosciente. Sid Witkins, medico ufficiale della Formula 1 già allora, arriva sul luogo dell’incidente quando, ormai, Peterson è già al centro medico. La versione ufficiale dice che Witkins è stato ostacolato dalla polizia che fece cordone intorno al luogo dell’incidente per evitare che tifosi e giornalisti entrassero in pista. I video non mostrano un Sid Witkins con l’aria di chi si è appena dimenato nella calca. Clay Regazzoni è furioso, e a momenti viene alle mani con Bernie Ecclestone quando le dice: “Bernie di M… dov’è il medico che paghiamo 3000 dollari a gara??”. Autosprint riporterà che era al Bar a bere un caffè.

Ronnie Peterson viene operato alle gambe all’ospedale Niguarda di Milano. Un operazione forse troppo azzardata e frettolosa. Pare che Peterson stesso avesso acconsentito all’operazione perchè voleva tornare a correre il prima possibile. L’intervento dura 7 ore e termina alle 23 circa del 10 settembre. Alle 4.30 Peterson ha una crisi respiratoria. Alle 7 le condizioni sono disperate. Alle 10 circa dell 11 settembre 1978, Ronnie Peterson muore per embolia lipidica. Se l’embolia sia una concausa dell’imperizia dei medici (si parlò di un’emorragia devastante durante l’intervento) o un errore del manager a far operare subito Peterson, è solo uno dei tanti interrogativi che avvolge questa tragedia.

Venne mandato alla gogna subito Patrese che venne squalificato per una gara. Successivamente fu scagionato il padovano e accusato Hunt che entrò in collisione con Peterson mandandolo contro il rail. Ma il principale responsabile dell’incidente è il direttore di gara che diede il semaforo verde nonostante, nel fondo della griglia, ci fossero ancora tante vetture non ancora allineate. Così facendo, metà vetture partirono da ferme e l’altra metà no. La larghezza del tracciato monzese favorì l’apertura a ventaglio dei concorrenti, che si trovarono poi costretti a rientrare quando entrarono nell’imbuto della prima variante.

Trovare risposte a domande che intanto mai e poi mai potranno riportare Ronnie Peterson, pare inutile. Ronnie Peterson è morto facendo ciò che amava, correre. Per fare questo mestiere, da figlio di fornaio che era, ha fatto il meccanico e il tecnico di ascensori. E’ stato sposato con Barbro, unica donna della sua vita, dalla quale ebbe una figlia, Tina. Una vita semplice, da grande uomo. Sugli spalti della Parabolica, un giovane milanese di 22 anni, vide la scena del terribile incidente. Quel milanese si chiamava Michele Alboreto. Bello pensare che Michele prese in eredità, oltre ai colori del casco, anche la gentilezza, la spontaneità e la dolcezza di Peterson.

Ronnie Peterson un giorno disse: “Per mantenere il mio equilibrio mi occorre andar forte, mi è necessario portare sempre la vettura al limite. Se rallento appena un poco comincio a commettere alcuni errori, quindi sono in una situazione migliore quando spingo a fondo“, e Gilles Villeneuve, qualche anno dopo il decesso, disse: “La gente vuole piloti che escono di curva spazzolando come faceva Ronnie Peterson!“. Sarebbero, forse, bastate queste due frasi per ricordare Ronnie Peterson, ma a noi piace anche ricordarlo come il più grande re senza corona della storia della Formula 1.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Luca Sarpero

28 anni di vita e 29 passati ad amare la Formula 1. Senza se e senza ma. Amante del web per passione, storico di F1 per vocazione.