F1 | Baku segna la rottura tra Bottas e la Mercedes ?

Il gran premio di F1 di Baku ha definitivamente spento qualsiasi scenario di rinnovo Mercedes per Valtteri Bottas. La voce circolava già da qualche giorno, con indiscrezioni sempre più ricorrenti. ma ora se ne ha praticamente la certezza. Valtteri Bottas non farà più parte del team Mercedes a partire dal 2022.

Valtteri Bottas non sarà più un pilota Mercedes nel 2022. Al suo posto arriverà -quasi sicuramente- George Russell, che tanto bene aveva fatto lo scorso anno sostituendo Lewis Hamilton a Sakhir per il Gran Premio del Bahrein. Ad accelerare la conclusione del contratto, ci sarebbero due fattori dal mix letale per il finlandese: da un lato la sua carenza di risultati, dettata dalla mancanza di adattamento alla W12, e dall’altro un George Russel spazientito che ha bussato alla porta di Stoccarda pretendendo discorsi chiari.

 

https://twitter.com/SkySportF1/status/1401599910596710409

 

Difficile capire che aria stia tirando in casa Mercedes: la corsa al mondiale è molto più dura del previsto, anche perché le nuove regole hanno pesantemente penalizzato la monoposto tedesca. Lewis Hamilton è apparentemente immerso in trattative che, a detta di Toto Wolff, non dovranno protrarsi troppo a lungo, ma forse vista la piega presa dalla stagione in corso, sarebbe anche auspicabile sedersi quanto prima attorno a un tavolo e decidere la strada da percorrere. Con un mondiale che si giocherà punto su punto, infatti, il contributo di Valtteri Bottas potrebbe essere determinante per portare a casa il titolo costruttori.

Le indiscrezioni più estreme vorrebbero addirittura la sostituzione del finnico a stagione in corso, magari con uno scambio con la Williams che porterebbe Russell in Mercedes e Bottas nel team che lo ha lanciato anni fa. Ma anche qui, si rischia il problema dei due galli nel pollaio e sicuramente Lewis Hamilton mai come in questo momento ha bisogno di un valido scudiero, piuttosto che di un rivale che gli porti via dei punti. L’altra opzione potrebbe essere quella del ritiro dalla F1, ma con un cambio regolamentare alle porte che condurrà il circus a monoposto totalmente nuove, un buon pilota come il finnico potrebbe comunque risultare appetibile.

 

Bottas

Gli anni in cui i piloti Mercedes facevano doppietta “in ciabatte” a ogni gran premio sono decisamente lontani: Red Bull si è sistemata con Sergio Perez e dispone di una monoposto in grado di vincere ogni gran premio. Sotto questo punto di vista, invece, in Mercedes la mancanza di Valtteri Bottas sta creando moltissimi problemi in ottica costruttori. In una F1 così complessa e con distacchi così contenuti, è impossibile pensare di vincere entrambi i titoli con un pilota soltanto.

 

Forse, invece di dar la colpa a Bottas per aver spanato il dado a Montecarlo arrivando lungo al pit stop, in Mercedes farebbero meglio a rimotivarlo e fargli sentire il supporto del team. In una stagione complicata come questa, far sentire un pilota sul banco degli imputati è l’unica cosa da non fare. Lewis Hamilton non può vincere questo mondiale da solo, quindi sarà molto meglio che invece di parlare di George Russell si inizi a pensare a dare il massimo con quel che si ha. E ciò che si ha, al momento, si chiama Valtteri Bottas.


Fabrizio Bianchini

Da sempre appassionato di motorsport, specialmente del motorsport "old style" fatto di pazzia, romanticismo e odore di gomma bruciata.