F1 | Melbourne slitta a fine stagione, più GP in Europa anche quest’anno?

F1 | Melbourne sarà rinviato verso a fine stagione, per via della pandemia del covid. Il mondiale scatterebbe così dal Bahrain a fine marzo. Tuttavia il calendario potrebbe subire ancora grossi cambiamenti da qui in avanti, ed anche quest’anno potrebbero esserci più GP in Europa, come accaduto lo scorso anno. 

Come da tradizione il mondiale di F1 è iniziato sempre a Melbourne con il GP d’Australia in questi ultimi anni. Tuttavia per il secondo anno consecutivo il mondiale di F1 non partirà dal round australiano per i problemi tuttora in corso legati al covid. Il circus quindi inizierà in Bahrain il 28 marzo.

Il GP d’Australia si farà verso fine stagione, anche se non vi è una data precisa. Indiscrezioni parlano di una possibile collocazione il 17 ottobre, subito dopo il GP del Giappone a Suzuka. Tuttavia pure la corsa del Sol Levante potrebbe rischiare di non essere svolta, dato che anche lì la situazione pandemica non è delle più rosee. Da qui ad ottobre c’è da sperare che la situazione a livello globale vada ad evolversi positivamente.

Ma a quanto pare, per causa pandemia legata al covid, Liberty dovrà rivedere il calendario di F1 non solo per quel che riguarda Melbourne. Tra gli eventuali GP a rischio, potrebbero esserci diverse corse extra-europee soprattutto.

In primis Stati Uniti e Messico, nonostante i due eventi siano programmati per fine ottobre. Poi altri apppuntamenti nel continente asiatico potrebbero essere sposati o addirittura cancellati.

Insomma Liberty Media non potrà dormire sonni tranquilli da qui alle prossime settimane. Il calendario iniziale diramato nei mesi scorsi composto da 23 GP, sembra difficilmente realizzabile quest’anno. Come accaduto nel 2020, anche quest’anno si potrebbe avere un calendario più “europeo”. Lo slot del 25 aprile lasciato vuoto dal Vietnam, dovrebbe essere preso da Imola. Il circuito romagnolo sembra avere buone opportunità per essere presente nel calendario di quest’anno.

 

Un altro problema che Liberty dovrà affrontare con i promoters, sarà quello relativo alla presenza o meno del pubblico nei weekend di gara. I promotori del GP d’Olanda a Zandvoort non saranno disposti nello svolgere il GP senza la presenza di pubblico sulle tribune.

Come dare torto agli organizzatori olandesi. A distanza di oltre 30 anni dall’ultimo GP di F1, è assolutamente giusto pretendere di avere il pubblico da parte degli organizzatori per celebrare il rientro del GP d’Olanda. Soprattutto se si considera anche la presenza del beniamino di casa Max Verstappen!

Ma tornando al calendario del 2021, potrebbero ripetersi anche le stesse modalità del 2020: ovvero più GP nello stesso circuito, come accaduto in Gran Bretagna ed Austria. Resta da capire come si muoverà Liberty a tal proposito: sarà disposta a rinunciare ad alcuni GP extra europei? Domenicali come si muoverà? Le categorie di contorno alla F1 si svolgeranno regolarmente? Il pubblico tornerà ad occupare le tribune? Tutte domande che al momento non trovano risposta.

Alberto Murador


Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: