F1 | Bahrain: a Sakhir in notturna il via al trittico arabo

Domenica in Bahrain si corre gara-1 con i due titoli già assegnati ad Hamilton e alla Mercedes. Resta aperta la lotta per il quarto posto con Perez, Sainz, Ricciardo e Leclerc sono divisi da soli 4 punti.

Domenica parte il tris di gare consecutive che condurrà verso la conclusione il mondiale di Formula 1 2020. Due corse in Bahrein, una ad Abu Dhabi.

 

A Sakhir si correrà come consuetudine al tramonto sul layout storico mentre la successiva debutterà la versione veloce. Tutti rettifili intervallati da un breve tratto a curve velocissime. Ci sarà da divertirsi, si stima un tempo sul giro di soli 55 secondi.

Con i due titoli già assegnati la lotta è tutta concentrata per la 4° posizione. Perez, Sainz, Leclerc e Ricciardo sono concentrati in un manciata di punti. Per chiunque di loro la spunti, al netto delle macchina che guidano, sarebbe una piccola impresa. Soprattutto per Leclerc.

La Ferrari arriva a Sakhir sulle ali dell’entusiasmo per l’ottima prova della Turchia. La migliore della stagione dove entrambe le macchine hanno espresso una buona competitività. Anche qui in Bahrain non ci sarà Mattia Binotto, impegnato a Maranello nel seguire lo sviluppo della monoposto 2021. Il ruolo di DT sarà nuovamente svolto da Laurent Mekies.

I rettilinei di questo tracciato saranno una pugnalata per la mancanza di cavalli della Ferrari, non sarà una gara semplice almeno che Sakir non dimostri che qualcosa davvero è migliorato. Solitamente qui si correva a Marzo con temperature più fresche. Ci sarà più grip se non verrà a piovere. Siamo nel deserto ma è previsto  un minimo di possibilità di pioggia, il 20%.

 

Qui si corre dal 2004, su 15 edizioni ben 6 sono state vinte dalla Ferrari.  Schumacher, Alonso, Vettel e Massa hanno tutti vinto una gara con la rossa. Leclerc ci è andato vicino l’anno scorso quando ha dovuto ritirare la monoposto per noie meccaniche mentre era in testa al GP.

Mercedes favorite, magari libere di combattere e bagarre per i posti sul podio. Si annuncia una gara interessante. Verstappen vorrà dimenticare le delusioni di Imola e Istanbul, Leclerc centrare il podio sfuggitogli per un suo errore 15 giorni fa. Vettel, tornato competitivo dovrà confermarsi.

Per la  Ferrari, citando Binotto, l’obiettivo sarà: “Migliorare la nostra classifica nei costruttori, il sesto posto è inaccettabile!”

Per farlo serviranno entrambe le monoposto, come in Turchia.


Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna