Guida F1 2020 – Racing Point

Quarto appuntamento della nostra guida alla F1 2020. La Racing Point si presenta come la vera outsider di questo 2020. Attenzione a non chiamarla Mercedes.

di Federico Caruso | @fclittlebastard

A Barcellona quando abbiamo visto scendere in pista la Mercedes W10 colorata di rosa, abbiamo avuto tutti un colpo. Ma ancora di più, la Racing Point ha stupito tutti, quando abbiamo visto girare in pista la sua monoposto RP20. Tempi alla mano poteva comodamente stare tra i primi 3 per tutte le sessioni di prova dei test invernali. Certo è che la copia quasi identica ha attirato molte critiche. Ma di fatto ancora non l’abbiamo vista scendere in pista in una gara ufficiale. Per il Mondiale F1 2020, la Racing Point ha creato molte aspettative e vedremo se il team sarà all’altezza.

Sergio Perez: è uno dei piloti più esperti in F1. E’ veloce ma non è costante. Durante i test invernali è riuscito ad ottenere ottimi tempi. Siamo sicuri che non vede l’ora di scendere in pista in Austria per poter valutare se starà con il gruppo dei primi, o dietro come tutti gli altri.

Lance Stroll: il figlio del proprietario ha saldamente cucito sui pantaloni il suo sedile da guida. Ma oltre alle ovvie congetture su essere il figlio del proprietario e avere vita semplice, già dall’anno scorso sta provando a dimostrare di meritarsi il posto. Quest’anno sarà un vero banco di prova per lui. Promosso o bocciato.

Classifica 2019: 7° Classificato

Piloti: Sergio Perez #11 – Lance Stroll #18

Monoposto F1 2020: Racing Point-Mercedes RP20


Federico Caruso

Nato a Roma sotto il segno dei motori turbo V6 nel 1984. Sono sempre alla ricerca di qualcosa che mi sappia emozionare come Ayrton Senna. Scrivo con passione per amore della F1.