F1 | GP Brasile cancellato : l’organizzatore non è d’accordo

L’organizzatore del GP del Brasile di F1 non è d’accordo con la decisione di cancellare la gara e promette azioni legali.

di Federico Caruso | @fclittlebastard

Come abbiamo appreso in settimana, e come già sapevamo da tanto, il calendario di F1 2020 è un continuo evolversi.

Per i nuovi GP entranti nel calendario, ce ne sono altrettanti che escono. Gli ultimi ad essere esclusi sono stati il GP USA, il GP del Messico, e il GP del Brasile.

L’organizzatore di quest’ultimo, una volta appresa la notizia, ha dichiarato di non aver capito le ragioni per le quali il GP del Brasile è stato cancellato, e senza motivazioni che abbiano senso, ha dichiarato che ci sono tutti i presupposti per intraprendere un’azione legale.

Tamas Rohonyi in un’intervista su Motorsport.com, ha duramente criticato la decisione di non svolgere le corse in America del Nord e America del Sud per colpa della pandemia da Covid-19. Per lui le ragioni dati per l’esclusione del GP del Brasile sembrano essere inventate. Soprattutto perché le motivazioni date, legate al tasso di contagio da virus, non rispecchiano assolutamente la realtà che si vive a San Paolo del Brasile. Così come lui ha dichiarato, la situazione in Brasile è decisamente migliore, e non capisce come mai si è presa la decisione di cancellare il GP del Brasile.

“Prima di tutto questa cancellazione non ci ha colti di sorpresa, ma devo dire che la giustificazione, il ragionamento alla base, non la possiamo accettare. Parlano del tasso di infezione da virus in Brasile, che è un po ‘come paragonare la California alla Florida in un paese come il Brasile, che è di dimensioni continentali. Abbiamo tutti i numeri per lo stato e la città di San Paolo. Questi dati sono stati trasmessi alla Commissione medica della FIA dal nostro ufficiale medico, che è comunque il suo vice presidente. E sono situazioni molto buone. In effetti, se si guarda la situazione di San Paolo, persino del Brasile, su base proporzionale, rispetto all’Inghilterra, è messo molto meglio. Così, quando abbiamo letto questo avviso di annullamento che abbiamo ricevuto ieri dalla FOM, semplicemente non regge. È chiaramente una specie di ragionamento quasi inventato per annullare la gara “.

Rohonyi ha aggiunto che Interlagos, se gli fosse stato chiesto, sarebbe potuto essere aperto, visto che le competizioni locali già hanno ripreso a girare. Più che una prova che il Brasile era pronto ad ospitare la gara di F1.

“Avevano consultato non solo la mia compagnia, ma il governo della città – Potresti presentare il tuo piano per favore, se venissimo? – avrebbero ricevuto un piano antiproiettile al 100%, che esiste, al punto che il circuito di Interlagos era aperto alle corse la scorsa settimana. E anche la FIA ha emesso uno strumento di protocollo di 10 pagine molto complesso, dicendo come si svolgono le gare in queste circostanze, che avremmo seguito. Quello che ho trovato davvero strano è che l’intero approccio è piuttosto semplicistico. “Oh, è la pandemia, ci dispiace terribilmente, non vogliamo andare, non possiamo andare.” Uno dei motivi presentati è che cinque squadre hanno espresso preoccupazione. Bene, nessuno dei contratti di F1 afferma che andremo a correre nel tuo paese se le squadre ne hanno voglia. Gli accordi con i promotori della F1 hanno una sola clausola che consentirebbe a una delle due parti di interrompere il contratto, e nessuna di queste è causa di forza maggiore. Stiamo interpellando una consulenza legale perché ci sono enormi perdite da parte del comune e della mia azienda.”

I soldi spesi per rinnovare il circuito di Interlagos, sono anche parte arrivati da investimenti pubblici. La cancellazione del GP di Brasile avrà implicazioni legali e politiche.

“Nel mio caso specifico, e penso che sia molto, molto simile a Città del Messico, corriamo su un circuito municipale. E in base al contratto che ho con loro il comune è responsabile del mantenimento degli standard di F1. Solo quest’anno hanno speso 8 milioni di dollari per l’aggiornamento del circuito. L’intera area del paddock è stata coperta e sono state fatte molte piccole cose che la gente non vede ma è molto essenziale, come le acque reflue e le strutture sanitarie. Quando sei un funzionario del governo e spendi fondi pubblici per qualsiasi cosa, se la giustificazione non è solida, puoi essere citato in giudizio dal pubblico ministero, in quanto costituisce una violazione dei tuoi obblighi ufficiali. Il governo mi ha detto: “Amico, hai un contratto da eseguire. Quindi farai meglio a correre. ‘Corro se posso, ma se non mi è permesso di correre perché la F1 afferma che non possiamo correre, non è colpa mia. Giustamente, anche se sono miei buoni amici, il governatore e il sindaco hanno detto:” Bene, questo ci porterà in tribunale? “.

Vedremo se le autorità brasiliane andranno in fondo a questa storia. Rimane il fatto che la decisione di eliminare il GP del Brasile, qualora queste fossero le motivazioni, rimane davvero molto strano.

 

 

 


Federico Caruso

Nato a Roma sotto il segno dei motori turbo V6 nel 1984. Sono sempre alla ricerca di qualcosa che mi sappia emozionare come Ayrton Senna. Scrivo con passione per amore della F1.