F1 | GP Singapore: i dolci ricordi di Vettel e della Ferrari

Singapore. Lo scorso anno la Ferrari di Sebastian Vettel dominò prove e gara. Oggi la Rossa arriva a Marina Bay in ben altra situazione.

di Giulio Scaccia

Sebastian Vettel lo scorso anno fece una gara incredibile, dominando le prove e gestendo con autorità una gara con ben due Safety Car. Quel giorno il pilota Ferrari riuscì a mettere dietro Red Bull e soprattutto Mercedes. La Rossa arriva a Singapore con ben altro spirito. C’è da dire però che in Ferrari sembra che stia almeno tornando il sereno. Lo ha affermato Maurizio Arrivabene dopo Monza, si percespisce dai volti e comunque da un incremento delle prestazioni se pur su circuiti sulla carta più favorevoli come Monza e SPA.

vettel_ferrari_2015Il Team Principal ribadisce concetti forti, sottolinenando le parole affermate da Marchionne:

Dalle ultime due gare, le cose sono migliorate e l’atmosfera nel team è davvero buona. Tutti sono concentrati sul gareggiare gara dopo gara e anche sulla prossima stagione. La squadra è solida e sono tutti concentrati nell’andare nella stessa direzione.

Sebastian Vettel arriva su una pista che lo ha visto vincere quattro volte. Lo scorso anno forse diede il meglio di sé e probabilmente, a parte i primi giri del Gran Premio d’Australia, è stata l’ultima volta che abbiamo visto il pilota tedesco in grande spolvero. Marina Bay fu la terza ed insperata vittoria dell’anno. Da lì sembrava apparire una sorta di luce dal tunnel con tutte le speranze, poi riposte, per il 2016.

Vettel lo sa. Come dicevamo conosce bene Marina Bay e sa quali insidie possono esserci:

Ho dei bellissimi ricordi di Singapore, lì in passato sono riuscito a vincere più volte. Si tratta di una gara abbastanza insidiosa. Non si svolge alla luce del giorno ed è una sfida diversa dal solito soprattutto per quanto riguarda i punti di riferimento intorno al circuito. L’asfalto è irregolare e ruvido, la pista è lunga e i giri durano tanto, questo fa si che si debba rimanere concentrati a lungo. Di solito fa caldo e c’è molta umidità ed è difficile stare stare in macchina, ma credo sia una gara che piace a tutti. Lì cerchiamo di rimanere legati all’orario europeo ed è molto strano, perché rimaniamo svegli fino a tardi per poi alzarci a metà giornata. E’ un GP speciale per tutti i piloti e tutte le squadre.

Seb e la Ferrari cercano il riscatto. Come abbiamo scritto strategia aggressiva puntando sulle Ultra Soft. Con un avversario, la Red Bull, semprepiù pericoloso.


Giulio Scaccia

Giornalista ed appassionato, seguo la Formula 1 dal 1978. Da Gilles Villeneuve a Michael Schumacher, sempre la Ferrari nel cuore.