F1 | Mondiale 2017: cambiano le penalità

La FIA ha reso note delle modifiche alla modalità di amministrazione delle penalità in vista della prossima stagione. I piloti saranno sanzionati solo se è assolutamente chiara la colpa di un eventuale incidente altrimenti l’episodio verrà giudicato come un normale “incidente di gara”.

di Francesco Svelto |

 

In vista della stagione alle porte, l’organo di governo della F1 ha modificato le norme di attuazione delle sanzioni verso i piloti coinvolti in eventuali incidenti di gara, andando effettivamente a punire il driver se e solo se è assolutamente chiaro che quest’ultimo sia in difetto. In altre parole, vi saranno tanti contatti ed episodi che verranno giudicati come “incidente di gara” rispetto al passato.

La nuova procedura prevede ancora la segnalazione dell’episodio da visionare da parte del direttore di gara, Charlie Whiting, ma a differenza del recente passato i commissari  di gara – che, ricordiamo, variano da evento ad evento – avranno la possibilità di scegliere se avviare effettivamente un’indagine o meno.

La modifica all’articolo 38.2 del regolamento sportivo 2017 ora afferma:

“Sarà a discrezione dei Commissari decidere se il pilota coinvolto in un incidente deve essere  effettivamente penalizzato”

E poi ancora:

“Qualora non fosse chiaro ai giudici che un driver abbia la colpa totale o parziale dell’incidente, al medesimo non sarà imposta alcuna penalità”

Questa modifica sostanziale è atta ad incoraggiare i piloti in manovre di sorpasso più ardite e, di conseguenza, più spettacolari, senza che gli stessi protagonisti possano temere una penalità inflitta ad ogni minimo contatto anche non voluto.

Un’altra precisazione riguarda, infine, i piloti che non riescono a scontare una eventuale penalità nella medesima gara dove c’è stato l’episodio irregolare. In questo caso verrà applicata una penalità in griglia al successivo evento iridato.

 

 

Francesco Svelto


Francesco Svelto

Non un tifoso della F1... ma un appassionato di tutto ciò che è pure-racing a 4 ruote! Nota bene, ho scritto "pure-racing".