F1 | Mercedes, Bottas rifiuta la “tattica Rosberg”

L’obiettivo di Valtteri Bottas per il 2021 rimane lo stesso: battere Lewis Hamilton e vincere il mondiale di F1. Il finlandese, però, non ha intenzione di attuare la “tattica” suggerita qualche tempo fa da Nico Rosberg.

A poco più di due mesi dall’inizio della stagione 2021 di F1, Valtteri Bottas torna a parlare di sé e del lavoro di squadra in casa Mercedes. Attualmente il finlandese è l’unico pilota confermato al volante della Freccia Nera, dal momento che il contratto di Lewis Hamilton è scaduto lo scorso 31 dicembre. Una situazione che sembra non volersi sbloccare: da quel che si dice le due parti non sono ancora giunte a un punto d’incontro.

Tempo fa Nico Rosberg, campione del mondo di F1 nel 2016, ha rivelato indirettamente a Bottas che per battere Hamilton su pista bisogna “entrare nella sua testa”. Un consiglio che, però, il pilota 31enne pare non avere alcuna intenzione di seguire.

La nostra forza è che possiamo sicuramente lavorare come una squadra. Sappiamo che alla fine trarremo vantaggio dal lavorare insieme, quindi non nascondiamo nessuna configurazione, dato o altro. Ci sono stati molti che hanno suggerito che dovrei diventare un Nico Rosberg, ma io non sono un Nico Rosberg. Preferisco lasciare che i fatti parlino in pista e guidare in modo corretto. Conosco anche Lewis e so che non ci sarebbe alcun vantaggio nel provare giochi psicologici con lui, anche perché penso che sarebbe ancora più incattivito e guiderebbe ancora più veloce.

Naturalmente, l’obiettivo di Valtteri Bottas per la stagione 2021 è quello di battere Hamilton. L’unico ad esserci riuscito è stato proprio Nico Rosberg ormai cinque anni fa. Ma se la chiave per vincere il mondiale è quella suggerita dall’ex pilota tedesco, perché il #77 della Mercedes non vuole metterla in atto? E’ probabile che, forse, è consapevole di non esserne in grado.

Sono in molti a dire che Bottas dovrebbe guardarsi le spalle anche e soprattutto da George Russell, che ha disputato un’ottima gara in Bahrain ed è prossimo a occupare un sedile in Mercedes. Stando ai fatti, però, il pilota che fino ad ora ha un posto sicuro è proprio il finlandese. La trattativa con Hamilton pare che stia andando fin troppo per le lunghe, ma allo stesso tempo è quasi impossibile pensare che l’anglo-caraibico non scenderà in pista a caccia dell’ottavo titolo mondiale. Quello che gli manca per demolire l’ennesimo muro dei record innalzato da Michael Schumacher.


Maria Iuliano

Classe 1996, capelli rossi come la Rossa, poliglotta e amante della Formula 1. Cresciuta con il mito di Schumacher, cerco di trasmettere la mia passione con le parole. "Ho sempre creduto che non ci si debba mai, mai arrendere, e continuare a lottare anche quando c'è una piccola, piccolissima chance". - Michael Schumacher

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: