Alonso, Vettel, Hamilton: il giudizio di tre ex-piloti

Vettel, Alonso e Hamilton sono i 3 piloti più rappresentativi della Formula 1 attuale, dei veri fuoriclasse, per certi aspetti degli animali da gara e, chiaramente, sono sempre sulla bocca di tutti, in particolare degli addetti ai lavori. Nelle ultime settimane, tre ex-piloti come Nigel Mansell, Eddie Irvine e Mark Webber hanno espresso il loro giudizio sulla stagione (e non solo) di questi tre piloti, dando dei giudizi per certi aspetti sorprendenti.

Se infatti, l’ex-compagno di squadra di Sebastian Vettel spende parole di elogio per Lewis Hamilton, ritenendo il talento del campione di Stevenage addirittura superiore a quello di Michael Schumacher (a suo dire aiutato dalla Ferrari negli anni d’oro), per Eddie Irvine la situazione dell’altro 4 volte iridato – vale a dire Sebastian Vettel – è frutto della sua debolezza psicologica, dal fatto di non avere più i risultati che otteneva all’epoca della Red Bull perché non adeguatamente supportato dalla Ferrari, trovandosi costretto a lottare. Significativo l’episodio di Baku, con la ruotata rifilata a Hamilton in regime di safety car per protestare contro l’improvviso rallentamento dell’inglese, che gli è costato una penalizzazione.

Una situazione che per Irvine è un po’ simile a quella vissuta da Schumacher, ma con una differenza fondamentale: il Kaiser sapeva gestire le proprie emozioni in modo magistrale quando saliva in macchina, dote per la quale è riuscito a costruire quello che è stato un vero e proprio miracolo, riportando la Ferrari al titolo dopo 21 anni di assenza dopo aver superato la frattura alle gambe causato dall’incidente di Silverstone nel 1999. L’accostamento tra Vettel e Schumacher, dunque, che tanto ha fatto sognare i tifosi ferraristi, per l’irlandese non ha alcuna ragione d’essere, tale era la differenza tra i due sia sul lato umano che sul lato tecnico.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Cristian Buttazzoni

"Life is about passions. Thank you for sharing mine". (M. Schumacher) Una frase, una scelta di vita. Tutto simboleggiato da un numero, il 27 (rosso, ma non solo)

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com