F1 | Imola ’94 ep.13: la stagione 1995, nasce la nuova Formula 1

3 maggio 2014 – La gara di Imola del 1 maggio 1994 ha segnato in modo irreversibile la storia della Formula 1, una storia che, a partire dall’anno successivo, non sarà più la stessa. Finisce un’era, quella dei “cavalieri del rischio” disposti a rischiare tutto e ad andare oltre ogni limite, fino all’estremo sacrificio. E ne inizia un’altra, quella in cui la Formula 1 diventa, prima che uno sport, una gigantesca opportunità di business. Finisce quindi un’annata strana, caratterizzata dalle vittime, dai roghi, dalle roventi polemiche, dai cambiamenti regolamentari, e se ne apre un’altra.

16811_468989249814809_1826126673_nDal 1995, infatti, la gestione commerciale del Circus passa nelle mani della Formula One Management di Bernie Ecclestone. E’ l’alba di un nuovo giorno, di un nuovo modo di gestire questo sport, che inizia seriamente a interrogarsi sui problemi della sicurezza. Cambiano infatti i regolamenti tecnici, le sagome delle vetture (anche se non in modo considerevole), le altezze da terra, gli scalini… ma qualcosa ancora di quella vecchia Formula 1 è rimasto. I team mantengono quasi tutti gli  stessi piloti, i team mantengono per l’ultimo anno i numeri propri, le battaglie ci sono ancora, i motori, pur con l riduzione di cilindrata, sembrano molto simili ai vecchi 3,5 litri; ma in quell’anno la Formula 1 ha un solo padrone: Michael Schumacher, che dopo un inizio di stagione non da dominatore (si ritirerà nella gara di Imola) detterà legge nelle gare successive, con Hill che dovrà ingoiare un altro boccone amaro prima di essere incoronato Campione del mondo ed essere cacciato dalla Williams alla fine del 1996, insieme ad Adrian Newey.

483000_479479252099142_1265095101_nQuella gara di Imola, su un circuito ovviamente rinnovato, sembrerà come un risveglio, con la marea rossa che saluta Alesi e Berger, secondo e terzo dietro all’inglese, dopo che per un minuto prima del via tutti i piloti si erano raccolti per ricordare Senna e Ratzenberger. Era il segnale positivo che la Formula 1 aveva voglia di ripartire, con nuove regole e nuovi protagonisti. Ci saranno infatti Coulthard e Herbert, che vinceranno le loro prime gare in Formula 1, ci sarà il mesto addio del Leone Nigel Mansell, che voleva vivere una stagione da protagonista ma ha dovuto arrendersi dopo solo 2 gare, ci sarà Frentzen, che con il motore ereditato dalla Benetton porterà la Sauber sul podio. E soprattutto ci sarà l’unica 1401204_10203747437995041_1660755869942539189_ovittoria in Formula 1 di Jean Alesi, protagonista della prima parte di stagione (e non solo) e di quella gara che per l’ultima volta riporterà un 12 cilindri alla vittoria.

Ma anche questa stagione, proprio nel finale, riserverà una brutta sorpresa: Mika Hakkinen, nel corso delle prove ufficiali del venerdì sul circuito di Adelaide, va a sbattere a circa 250 chilometri all’ora, con la sua McLaren che prende il volo. L’impatto è violentissimo, il finlandese finisce in coma ma, fortunatamente, riuscirà a risvegliarsi. Da quel momento cambiano ancora le regole sulla sicurezza e le scelte dei team Hakkinen adelaide 1995porteranno la Formula 1 su una strada molto diversa rispetto a quella che è stata tracciata negli anni; per esempio, nessuno (salvo Alesi) userà più la frizione al pedale. Una strada sulla quale non correrà più la Lotus, che grazie alla partnership con la Pacific continuerà a essere presente anche nel 1995, e su cui non correrà nemmeno la Simtek, che abbandonerà anzitempo l’avventura. I pionieri che, spinti dalla passione, con pochi capitali si costruiranno un team di Formula 1 non esisteranno più, tant’è che scomparirà anche la piccola Forti, l’ultimo team a montare il cambio meccanico su una monoposto, che durerà solo una stagione e mezza.

Insomma, dal 1995, o dopo il 1995, la Formula 1 cambia pelle per rimanere se stessa.




1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Cristian Buttazzoni

"Life is about passions. Thank you for sharing mine". (M. Schumacher) Una frase, una scelta di vita. Tutto simboleggiato da un numero, il 27 (rosso, ma non solo)

Lascia un commento