F1 | Sergio Perez: ancora fumata nera sul suo futuro

Come già annunciato qualche giorno fa, Sergio Perez ha tenuto una conferenza stampa straordinaria a Sakhir. La motivazione che fa da sfondo a questa decisione è stata quella di parlare del proprio futuro in F1.

La race week comincia con una conferenza straordinaria di Sergio Perez, in cui avrebbe dovuto finalmente comunicare cosa farà il prossimo anno. Dopo aver ricevuto il ben servito da Racing Point in favore del subentro di Sebastian Vettel, il pilota annuncia ciò che in realtà è già noto da alcune settimane: le opzioni in gioco sono l’anno sabbatico o proseguire in F1 con Red Bull.Perez Turchia F1

Il messicano, che ha sigillato il secondo posto in Turchia quasi tre settimane fa, è stato accostato diverse volte a Red Bull, sedile che sarebbe conteso tra lui, Nico Hulkenberg e Alexander Albon. Anche quest’ultimo infatti rischia di rimanere a piedi.

Sergio Perez ha dichiarato che se si prenderà un anno sabbatico sarà per schiarirsi le idee su ciò che vorrà fare nei prossimi anni. E’ però consapevole che vivendo altre situazioni potrebbe, in tal caso, decidere anche di non tornare nel Circus e abbandonare il mondo delle corse. L’unica possibilità di rimanere in F1 nel 2021 sarebbe quella di occupare un posto accanto a Max Verstappen, decisione che arriverà dal team austriaco solo dopo l’ultima gara di questa stagione ad Abu Dhabi.

A suo dire, ci sarebbe anche l’opzione di restare nel paddock come terzo pilota. Un’idea che lo attira poco, dal momento che le gare nella prossima stagione saranno ventitré. Non vorrebbe viaggiare così tanto a vuoto, senza scendere in pista, e stare in questo modo lontano dalla propria famiglia. Ha, inoltre, escluso l’ipotesi di proseguire la sua carriera di pilota in altre categorie motoristiche. Se dovesse prendersi il già citato anno sabbatico, tornerebbe forse nel 2022.

 

Max Verstappen aveva accennato poco tempo fa di volere accanto un pilota come Nico Hulkenberg. Quale sarà a questo punto la sorte di Perez? Continuerà a correre accanto all’olandese o si prenderà una pausa per riflettere e tornare fra due anni con il nuovo regolamento?


Maria Iuliano

Classe 1996, capelli rossi come la Rossa, poliglotta e amante della Formula 1. Cresciuta con il mito di Schumacher, cerco di trasmettere la mia passione con le parole. "Ho sempre creduto che non ci si debba mai, mai arrendere, e continuare a lottare anche quando c'è una piccola, piccolissima chance". - Michael Schumacher