Delusione per Renault F1 Team al GP del Bahrain

Entrambi in zona punti, i due piloti Renault, Nico Hülkenberg e Daniel Ricciardo, si sono ritirati a soli tre giri dall’arrivo.

Diciassettesimo sulla griglia, Nico ha realizzato un’ottima partenza portandosi in undicesima posizione alla fine del primo giro. Perseguendo una strategia con due pit stop, il tedesco ha raggiunto la sesta posizione prima di essere costretto a ritirarsi al cinquantaquattresimo giro sui cinquantasette della gara.

Nella top 10 fin dalla partenza, Daniel perseguiva una strategia con un solo pit stop.
L’australiano era in decima posizione e sembrava in grado di aggiudicarsi l’ultimo punto in gioco prima di doversi ritirare al cinquantaquattresimo giro.

• Partito in diciassettesima posizione con le Pirelli soft (rosse), Nico si è portato fino alla sesta posizione prima di ritornare alle gomme soft al dodicesimo giro e infine alle
medium al trentaduesimo giro.
• Decimo sulla griglia, Daniel è partito con gomme soft e si è fermato al ventiquattresimo giro per mettere le medium.

Nico Hülkenberg – Partenza: 17° – Ritirato
«Oggi è una giornata davvero difficile da digerire. Questo sport a volte può essere crudele. Era stata una bella gara con molte battaglie in pista per risalire dalla diciassettesima alla sesta posizione, ma purtroppo non abbiamo potuto raggiungere l’arrivo. Analizzeremo cosa è successo, ma ho perso tutta la potenza piuttosto improvvisamente ed è finita lì. È stata una corsa divertente con un primo giro da pazzi a cui ho dovuto sopravvivere per poi continuare sulla mia strada. Il team ha fatto un ottimo lavoro con la strategia a due pit stop e ne possiamo trarre spunti positivi. In futuro dovremo essere più “puliti” e fare in modo di non dover più provare simili delusioni.»

Daniel Ricciardo – Partenza: 10° – Ritirato
«Oggi sono successe tante cose durante la gara. Il nostro ritmo sembrava competitivo all’inizio, per cui ci siamo impegnati in una strategia con un solo pit stop. Più andavamo avanti nel mio primo stint, più sentivo che le gomme facevano fatica. Con il senno di poi, sarebbe stato meglio fermarci due volte. Verso la fine non potevo tanto difendermi contro quelli che rimontavano. Avrei voluto combattere di più, ma purtroppo non è stato possibile. Poi, a fine gara abbiamo avuto un problema con l’MGU-K. È stato un weekend molto animato con tanti alti e bassi. Ci prenderemo il tempo per elaborare il tutto e tornare più forti che mai.»

Cyril Abiteboul, Direttore Generale.
«Dopo un inverno molto intenso, la nostra stagione è cominciata malissimo. Come a Melbourne, anche in Bahrein le nostre qualifiche sono state fortemente compromesse da problemi elettronici di lieve entità che hanno interessato entrambi i veicoli. Oggi la nostra gara è giunta improvvisamente alla fine a un soffio dall’arrivo. Abbiamo già avuto questo genere di inconvenienti, ma non siamo stati in grado di correggerli in Bahrein. Questi problemi sono sempre più frustranti e inaccettabili nella misura in cui le due monoposto hanno dimostrato un’ottima competitività, sia sul singolo giro che in gara. La prestazione di Nico è stata ancora una volta straordinaria, passando dalla diciassettesima alla sesta posizione. Daniel fa leva sulla sua preziosa esperienza al volante e la strategia prescelta non ha funzionato, nonostante un buon ritmo in gara. Questa settimana Daniel continuerà a familiarizzare con la monoposto lavorando sulla performance durante le prove. Dobbiamo reagire e concentrare la nostra attenzione sull’affidabilità.»


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Antonio D'Amore

Cresciuto a pane e motori, sono da sempre la mia grande passione. Non solo le corse nella mia vita; il giornalismo, la comunicazione ed il “food” si sono trasformate da passione a lavoro e impiegano, oramai, gran parte della mia giornata. Da sempre appassionato di gare (auto e moto)! Commentatore sportivo, vlogger e tanto altro :)

Lascia un commento