F1 | Barcellona: Vettel e la Ferrari con il morale alto

Sebastian Vettel ha parlato alla conferenza stampa del giovedì, in vista del Gran Premio di Spagna.

di Giulio Scaccia

Barcellona è una sorta di ultima spiaggia Ferrari, dopo le quattro doppiette Mercedes. Nuove vernici, aggiornamenti aerodinamici ed uno step evolutivo della Power Unit.

Sebastian Vettel in conferenza stampa parla del momento Ferrari e di quanto sia importante tornare avanti, dopo i primi, illusori, test di inizio stagione.

Ecco le parole di Sebastian Vettel:

Il morale è buono, avremo degli aggiornamenti tra cui un nuovo motore. Già a Baku abbiamo portato dei pezzi e ce ne saranno altri qui. Vogliamo che la monoposto diventi più veloce e per ora c’è mancato qualcosa. Il pacchetto promette bene anche se finora abbiamo avuto qualche difficoltà a mettere tutti i pezzi insieme per essere sempre i più veloci. Abbiamo un team formato da persone intelligenti e stiamo lavorando al massimo per tornare a vincere. La macchina è andata bene qui nei test, abbiamo poi faticato ad avere le stesse sensazioni in gara. Ma non c’è magia per far funzionare il tutto, dobbiamo migliorare e questo weekend sarà importante perché torniamo qui a correre dopo i risultati dei test. Dobbiamo iniziare a fare più punti il prima possibile. Dopo i test eravamo noi quelli davanti, ora siamo dietro. Ma la strada è lunga e le cose possono cambiare. Siamo carichi e abbiamo delle buone opportunità, la stessa cosa vale per i nostri avversari.

Sebastian Vettel fa anche una riflessione sulla possibilità che venga abbandonato il circuito di Interlagos, a favore di quello di Rio:

Dal prossimo anno si potrebbe disputare il Gp del Brasile a Rio? Sarebbe uno choc. Sono un fan legato al passato e mi piacerebbe che si disputassero due gare lì.

La Ferrari deve fare punti e soprattutto stare avanti alla Mercedes. Domenica sera sapremo se questo mondiale è praticamente finito o la Rossa ha ancora chances.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Giulio Scaccia

Giornalista ed appassionato, seguo la Formula 1 dal 1978. Da Gilles Villeneuve a Michael Schumacher, sempre la Ferrari nel cuore.

Lascia un commento