F1 | Red Bull, ancora polemiche con la Renault

Un matrimonio finito male. Ancora un attacco fronte Red Bull nei confronti della Renault, attraverso le parole di Helmut Marko, che a nostro avviso sono un po’ forzate.

di Giulio Scaccia

Red Bull ed Honda in luna di miele, mentre continua il veleno nei confronti del precedente partner Renault, che poi aveva accompagnato la scuderia nei suoi successi dell’era Vettel.

Ora quale è il motivo del contendere? Secondo Helmut Marko, il problema della RB15 è la mancanza di carico aerodinamico e questo perché il disegno della RB15 sarebbe nato attorno alla precedente Power Unit Renault.

Ecco le parole di Helmut Marko a ridosso delle prove libere del Gran Premio del Brasile, quinta gara della stagione:

Sinora la mancanza di carico aerodinamico è stato il nostro problema principale. Il disegno della vettura è stato una diretta conseguenza della mancanza di prestazioni del nostro ex partner motoristico. Il design della RB15 ha cercato dunque questo aspetto più che l’efficienza aerodinamica. Questo design ci ha causato problemi in curva, mentre Honda ha registrato un aumento significativo in termini di prestazioni. A partire da Barcellona grazie agli aggiornamenti potremo reagire. Hamilton, Bottas, Vettel e Leclerc hanno tutti avuto degli alti e bassi, solo Max è riuscito a tirare fuori il massimo dalla sua auto, con una guida impeccabile. Anzi, ha fatto più del potenziale della sua vettura. È pronto per vincere il titolo, a Barcellona mostreremo che ci siamo anche noi.

Parole dolci per Max Verstappen e per il nuovo partner Honda e proposito bellicosi per il week end. A noi sembra un po’ forzato lato Red Bull scaricare tutte le colpe sulla Renault. Lo scorso anno la Toro Rosso ha fatto da vera e propria vettura laboratorio e i parametri potevano essere presi in tutta tranquillità.

Che sia un modo per mandare qualche messaggio a Newey?


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 4,50 out of 5)
Loading...

Giulio Scaccia

Giornalista ed appassionato, seguo la Formula 1 dal 1978. Da Gilles Villeneuve a Michael Schumacher, sempre la Ferrari nel cuore.

Lascia un commento