F1 | Rosberg penalizzato per la collisione con Hamilton

Nico Rosberg, dopo il contatto con Lewis Hamilton nell’ultimo giro, che gli è costato la vittoria, è stato penalizzato di 10 secondi per la manovra giudicata volontaria da parte dei commissari nel momento in cui si è trovato a difendersi dall’inglese. La decisione dei commissari è stata motivata in modo abbastanza chiaro: il tedesco non ha lasciato strada all’inglese.

Sono stati sentiti entrambi i piloti e i rappresentanti del team, sono stati esaminati i video della telemetria, dai quali è risultato “chiaro” (così si legge nel documento numero 66 delle Decisioni dei Commissari, che sono Radovan Novak, Gary Connelly e Martin Donnelly) che Hamilton aveva ormai affiancato Rosberg e stava percorrendo la curva in traiettoria, ma Rosberg non gli ha lasciato spazio, provocando così l’incidente. I commissari, dunque, non hanno avuto dubbi, Rosberg ha impedito a Hamilton di proseguire nella traiettoria ideale, cercando di fatto l’incidente dopo il problema ai freni che si è manifestato sulla sua W07.

Non solo, a Rosberg è stata inflitta anche una reprimenda (documento numero 67) per avere percorso la parte finale dell’ultimo giro con la vettura che lasciava diversi detriti in pista e senza l’alettone anteriore, generando pericolo in pista, riuscendo a completare la gara al quarto posto. Ma gli è stato riconosciuto che lo ha fatto in modo cauto, guidando lentamente.

Oltre ai 10 secondi di penalità, la manovra è costata a Rosberg anche 2 punti sulla Superlicenza, mentre con i 10 secondi aggiunti al suo tempo di gara il tedesco mantiene il quarto posto finale, mantenendo a distanza Daniel Ricciardo, sul quale aveva un margine intorno ai 14 secondi.


Cristian Buttazzoni

"Life is about passions. Thank you for sharing mine". (M. Schumacher) Una frase, una scelta di vita. Tutto simboleggiato da un numero, il 27 (rosso, ma non solo)