Dove è cambiata l’ala posteriore Ferrari a Miami

L’avevamo anticipato qualche giorno fa che l’ala posteriore della Ferrari F1-75 a Miami non sarebbe stata nulla di particolarmente diverso da quella già usata nelle precedenti gare. Solo piccoli aggiustamenti come viene fatti di norma quando si affrontano GP dalle alte velocità e dove viene richiesto meno carico aerodinamico.


Qui ne parlammo già dettagliatamente https://www.f1sport.it/2022/05/ferrari-in-arrivo-una-patch-motore-ma-la-propaganda-racconta-altro-leclerc-binotto/ spiegano che come si fa per il GP di Monza e Spa la Ferrari avrebbe solo rivisto la conformazione dell’ala posteriore e non portato una nuova ala. 

In Molti infatti a chiedersi “dov’è la nuova ala posteriore?” visto che le differenze erano talmente lievi da non accorgersene nemmeno. 

Come vi mostriamo, infatti, in queste immagini ciò che è stata modificata è solo l’ampiezza del flap superiore (quello mobile) che era stato già ridotto in occasione del GP di Arabia Saudita rispetto a quanto visto in Bahrain, con l’aggiunta della rimozione del gurney flap sul bordo d’uscita del profilo.

Minor superficie complessiva quindi che permette di scaricare l’ala posteriore quando già ci si trova a livelli minimi di inclinazione di guadagnare ovviamente in velocità massima nei lunghissimi rettilinei di Miami. Nulla di particolare ma solo lavori, come avevamo annunciato, per adattare l’ala già esistente alle conformazioni del tracciato americano. 


Antonio Granato

F1Tech JO -- Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk -- ex AZ Technical Engineer -- Contributor: http://ilfattoquotidiano.it and @Autosprint -- FIA accredited Twitter: @antoniogranato www.antoniogranato.com