domenica, Novembre 27, 2022

F1 | Australia: Hamilton frustrato per le prestazioni Mercedes

Hamilton è frustrato per le prestazioni della Mercedes. Queste le sue dichiarazioni appena concluse le sessioni di prove libere di F1 in Australia.

di Federico Caruso | @fclittlebastard

Finita la sessione di prove libere del GP di Australia di F1, Lewis Hamilton si è piazzato tredicesimo alla fine delle FP2. Il sette volte campione del mondo di F1 è stato preceduto dal suo compagno di squadra George Russel.

Una giornata difficile per Hamilton, e la Mercedes. Al terzo appuntamento mondiale ancora sembra molto lontana dal trovare una soluzione per colmare il gap con i primi della classe. Lewis Hamilton ha dichiarato di sentirsi frustrato di finire a più di un secondo, nonostante il giro pulito.

lewis hamilton

“Questa è solo la cosa frustrante perché stai cercando di spingere, stai cercando di prendere rischi, e anche quando fai un giro decente, è 1.2 secondi in meno, quindi è difficile. Non c’è molto che possiamo fare. Le cose stanno così e dobbiamo solamente guidare con questo (che abbiamo)”

Uno dei motivi di frustrazione di Hamilton, è anche la totale mancanza di miglioramenti alle prestazioni della Mercedes W13 nonostante le modifiche portate in Australia.

“Nulla di quello che si cambia sulla macchina al momento fa la differenza. Questa è la cosa difficile. Entri molto ottimista e poi fai dei cambiamenti e poi e sembra che non voglia migliorare. Quindi abbiamo apportato alcune modifiche al FP2. FP1 era migliore. La FP2 ha finito per essere un po’ più difficile per noi. È solo un’auto complicata.”

I problemi Mercedes sembrano non avere una soluzione semplice. Anche il compagno di squadra di Hamilton, George Russel ha avuto problemi, e quelli che si sono manifestati, sembrano essere ancora peggiori. Uno su tutti il problema irrisolto del porpoising.

“Stiamo andando decisamente male. Nella curva nove è probabilmente il (problema) più grave che ho avuto. Penso che sia qualcosa con cui dobbiamo solo fare i conti per il momento. Crediamo che sia il modo più veloce per girare in pista. Ma forse non lo è. Dobbiamo continuare a scavare nei dati e capire. Siamo passati da sinistra, destra e centro con il set-up e tutti hanno portato a un risultato simile, quindi dobbiamo cercare di andare avanti e capire cosa è successo. Non siamo nella posizione in cui vorremmo essere, ci sono un bel po’ di macchine di centro classifica davanti a noi e ovviamente abbastanza distanti dal ritmo della testa. Quindi dobbiamo lavorare sodo stasera e capire i limiti. L’auto andava bene, non era male. Ma è stato un po’ strano, con la mia gomma morbida ho continuato a migliorare e migliorare. So che alcuni piloti l’hanno fatto, ma dal mio punto di vista sembrava un po’ più stravagante.”

Solo domani durante le prove ufficiali vedremo se Mercedes riuscirà a risolvere i suoi problemi.

Per ora è profondo buio.

Federico Caruso
Federico Caruso
Nato a Roma sotto il segno dei motori turbo V6 nel 1984. Sono sempre alla ricerca di qualcosa che mi sappia emozionare come Ayrton Senna. Scrivo con passione per amore della F1.
3,668FollowersFollow
1,150SubscribersSubscribe