Cosa vedono i piloti di F1?

Una domanda che stuzzica la curiosità della maggior parte di coloro che seguono la F1, riguardo cosa i piloti vedano all’interno delle proprie vetture. Proviamo ad osservare la visuale di un pilota, cosa egli vede e cosa significano tutte le scritte che fuoriescono sul display del volante.

Dalle ultime gare dello scorso anno sono state introdotte, seguendo la falsa riga della Formula E, le ”helmet cam’‘. Esse non sono altro che delle videocamere poste all’interno del casco dei piloti. Attraverso queste cam, è stato possibile comprendere maggiormente quanto sia complicato guidare una monoposto di F1

Come si evince da questo video, riguardante l’on board di Esteban Ocon nel Gp di Imola, la visuale del pilota è estremamente ridotta. Durante la partenza sul bagnato, il pilota Alpine, riceve tantissima acqua che gli ostacola la visuale. Occorre ricordare che la visiera dei caschi dei piloti, sono ricoperte di sostanze particolari che permettono alla stessa di non appannarsi.

Esaminando più da un lato tecnico l’on board si notano delle scritte sul display del volante. Questi numeri posti sullo schermo, sono dati molto importanti per il pilota. Attraverso questa immagine proviamo a ricostruire cosa significano tutti quei numeri e quelle scritte.

Partendo dal numero centrale, il più grande, esso sta ad indicare la marcia inserita dal pilota in quel momento. In alto a destra dello schermo, si ritrova il tempo delta riguardante il giro che si sta effettuando, confrontato con uno precedente. Subito sotto è collocato il bilanciamento dei freni (in questo caso 0.0). I due numeri alla sinistra di quelli appena citati, indicano la temperatura degli pneumatici, anteriori e posteriori. Nella parte inferiore, in basso al numero relativo alle marce, si ritrova il tempo che si sta effettuando in quel giro.

Adesso osserviamo la zona sinistra dello schermo. Partendo dall’alto, in verde, è segnalato il giro più veloce eseguito. Andando verso il basso, in bianco, vi è la velocità espressa in km/h. Infine gli ultimi due numeri segnati riguardano il primo, il più in alto, il conto dei giri eseguiti. Il secondo numero in basso a sinistra, comunica la percentuale di batteria rimanente.

Possiamo sicuramente concludere, dopo aver analizzato gli on board, quanto sia complicato per un pilota guidare una monoposto di F1, considerando la velocità alla quale corrono.