GP Usa: Jos Verstappen, polemica contro FIA e Ferrari

Un tweet di Jos Verstappen, padre di Max, ha fatto divampare ulteriormente il dibattito sulla penalità del giovane olandese.

Jos Verstappen getta benzina sul fuoco. Dopo la penalità inflitta al figlio Max per il taglio di curva ai danni di Raikkonen, il diretto interessato aveva usato parole molto forti. Ha dato a un commissarrio dell’ “idiota”, e ha addirittura esortato i tifosi americani a non presentarsi all’edizione 2018 del gran premio. Oltre a Max si sono lamentati Christian Horner, che ha suggerito di rivedere le regole sui track limits, e poi è arrivato Jos “The Boss”.

Verstappen senior è rinomato per avere un carattere forte, che ha trasferito al figlio. E gli episodi degli ultimi giorni confermano questa tesi. Su Twitter il signor Verstappen si è scagliato contro la FIA, rileggendo il nome della Federazione in modo inequivocabile. Ferrari International Assistance. E ha rincarato la dose con un bel “FIA, vergognati”. Di seguito i tweet in questione:

 

L’origine di questo astio verso la Federazione dell’Automobile risale al 2016. A Spa, Max Verstappen era venuto a contatto con le due Ferrari alla prima curva. In Messico, poi, l’olandese era stato punito con la sottrazione del terzo posto, a causa din un taglio di pista mentre era in lotta con Vettel. Veniamo poi al 2017, con l’incidente al via a Singapore. E’ stato valutato un incidente di gara, ma sia Jos che Max hanno dato la colpa alla Ferrari senza mezzi termini. L’ultimo episodio è proprio quello di Austin, che potrebbe avere ulteriori strascichi.

La FIA sta infatti indagando sulle parole del pilota della Red Bull, che potrebbero costargli un richiamo ufficiale. In ogni caso questo atteggiamento dei due Verstappen sta cominciando a superare il limite. I commissari hanno fatto le loro valutazioni e hanno preso le loro decisioni. Soprattutto Jos dovrebbe abbassare i toni, perché non fa altro che destabilizzare il figlio.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Marco Bottamini

Seguo la F1 dal 2000, GP di Suzuka... Da allora, il mio amore per la regina del motorsport è diventato indissolubile. Ogni domenica è un rito, un brivido, un'emozione, sull'onda della velocità.

Lascia un commento