F1 | GP USA: Red Bull a podio con Ricciardo, Vettel 7°

3 Novembre 2014 – Con una gara da predatore, Daniel Ricciardo regala l’ennesimo podio della stagione alla Red Bull, con un terzo posto che va contro ogni pronostico. Gara rebus invece per Vettel, partito dalla pit lane e costretto a molteplici pit stop, anche se nel finale ha fatto segnare il giro più veloce, concludendo settimo.

ricciardonoLo aveva pronosticato poco prima della gara e ha mantenuto la parola data: un grandissimo Daniel Ricciardo si porta a casa l’ennesimo podio della stagione, confermandosi l’unico vero outsider delle due Mercedes. L’australiano ha corso come se fosse ancora in lotta per il mondiale (matematicamente non lo è più ndr), nonostante una partenza che ricordava quelle di un altro australiano che occupava il suo sedile lo scorso anno.

Ma Ricciardo non si è perso d’animo, ed ha prima infilato Alonso, con la sua ormai “solita” finta, per poi  imporsi alle due Williams, non così in palla come nelle prove. Merito anche di una strategia anticipata che gli ha permesso di avvicinarsi a Bottas, per poi superarlo sfruttando il DRS, e a superare direttamente Massa al 2° pit stop, visti anche i problemi nel cambio gomme del brasiliano.

Avevo detto che sarei arrivato terzo e io non mento. E’ stata un’ottima gara. La partenza non è stata buona ma ho recuperato presto. Quando è rientrata la Safety Car eravamo tutti vicini e ho visto Fernando abbastanza a tiro; lui si è tenuto nel centro della pista ma c’era più spazio all’interno e quindi sono riuscito a fare un bel sorpasso e a prendermi la 5° posizione,  poi la strategia mi ha aiutato e sono riuscito a prendere il terzo posto.

Per l’altra Reb Bull, quella del quattro-volte campione del mondo Sebastian Vettel, è stata una gara tutta in salita, caratterizzata da una strategia quasi psichedelica, che ha costretto il tedesco ormai prossimo alla Ferrari, a fermarsi più volte per il cambio gomme.

Vettel RicciardoPartito dalla pit-lane, Vettel si è accodato subito al gruppo di fondo classifica e durante la safety car è rientrato subito ai box per scartare la gomma bianca e passare alla mescola più morbida. Ma dopo neanche un paio di giri, il tedesco è rientrato subito per montare nuovamente la mescola più dura. Una scelta molto azzardata, ma, visti i risultati che aveva ottenuto al venerdì con quella gomma, poteva rivelarsi vincente.

Il campione del mondo in carica però, non è riuscito a  ritrovare quel ritmo, trovandosi così in grandissima difficoltà, uscendo persino dalla zona punti. Dopo 25 giri, il team lo ha richiamato ai box, dove ha montato nuovamente la gomma media, anche se per questo run ha funzionato come avrebbe dovuto.

Risalito fino alla sesta piazza, dopo un’intensa lotta con Fernando Alonso, il tedesco è rientrato nuovamente per montare questa volta la gomma gialla, dovendo compiere un vero capolavoro per riprendersi la settima posizione. Gara quindi difficile da decifrare per il Vettel che comunque è riuscito a stampare, nella sua rimonta finale, il miglior giro in gara.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: