Barcellona, Ferrari: Sainz chiude ai piedi del podio, ritiro per Leclerc

F1 – Domenica amara per la Ferrari a Barcellona che taglia il traguardo con la sola F1-75 guidata da Carlos Sainz. Ritiro per Leclerc a causa di un problema di affidabilità della power unit.

La Ferrari saluta la Spagna con delusione e amaro in bocca. Dopo gli ottimi tempi ottenuti nella giornata di venerdì e la pole position conquistata ieri da Charles Leclerc, lo stesso monegasco è stato costretto a dare forfait per un problema di affidabilità del motore non ancora identificato. Il primo per la Scuderia di Maranello in questa stagione.Ferrari Leclerc Barcellona F1

Diversa, invece, la gara di Carlos Sainz che nelle prime fasi della corsa è finito nella ghiaia a seguito di un testacoda. Nessun problema, fortunatamente, per lo spagnolo che ha ripreso e portato a termine la propria gara basata su una strategia di tre soste ai box, con alternanza di gomma media e rossa. Sainz conclude il Gran Premio di casa ai piedi del podio, dietro a uno straordinario George Russell, che fino all’ultimo ha temuto di non tagliare il traguardo a causa della poca benzina presente nel serbatoio della sua W13.

Dunque, una giornata non così rosea per il pilota #55 in tuta rossa, che davanti ai propri sostenitori aveva sperato in un finale diverso. Delusione percepita maggiormente dal box accanto, quello con il numero 16. Dopo una partenza perfetta, Leclerc aveva il solo compito di mantenere la leadership della gara. Grazie anche al notevole distacco dalla Red Bull del suo diretto rivale, Max Verstappen.

Termina così il weekend di F1 della Ferrari a Barcellona, con una sola vettura (quella di Sainz) a superare la bandiera a scacchi. Ora si guarda a Monaco, la gara di casa di Leclerc, il quale auspica a un risultato migliore rispetto a quello degli scorsi anni. Un motivo in più, per lui, di provare a riprendere il campione del mondo in carica, ormai leader del campionato.


Maria Iuliano

Classe 1996, capelli rossi come la Rossa, poliglotta e amante della Formula 1. Cresciuta con il mito di Schumacher, cerco di trasmettere la mia passione con le parole. "Ho sempre creduto che non ci si debba mai, mai arrendere, e continuare a lottare anche quando c'è una piccola, piccolissima chance". - Michael Schumacher