F1 | Le batterie l’innesco dell’incendio per Grosjean

“Il rischio del fuoco è sempre presente” mi disse una volta una persona che si occupava di antincendio in F1. Di fatto vedendo quanto accaduto a Grosjean oggi la prima cosa che ho pensato è questa frase.

Per un incendio serve il comburente ed il combustibile, non c’è dubbio. Ma se serve anche un innesco. L’innesco oggi sono le batterie. Elementi ad altissima temperatura poste praticamente in una rientranza del serbatoio, quasi fossero in immersione. In un impatto del genere in cui il serbatoio si distrugge, queste rappresentano l’elemento “scintilla” che possono fare esplodere l’incendio.

Sarà forse il momento di interrogarsi su questo. Ve benissimo l’energia alternativa e non inquinante ma nella vita di tutti i giorni non si corre a 300 km/h. Se l’elettrico rappresenta un pericolo, almeno oggi, tanto vale eliminarlo, visto che poi in termini di spettacolo ha letteralmente rovinato e snaturato la Formula 1.


Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato www.antoniogranato.com