F1 | Baku: Red Bull bene, ma non benissimo
 

 


F1 | Baku: Red Bull bene, ma non benissimo

La Red Bull limita i danni anche qui a Baku. Max Verstappen ha concluso quarto, mentre il team-mate Pierre Gasly si è dovuto ritirare per noie tecniche dopo aver rimontato sino alla sesta posizione dal fondo. Tra due settimane al Montmelò la Red Bull riuscirà a colmare il gap da Mercedes e Ferrari?

La Red Bull si è dovuta accontentare anche qui in Azerbaijan. Il team anglo-austriaco ha limitato i danni, con Max Verstappen che è giunto quarto al traguardo, mantenendo di fatto la posizione conquistata ieri in qualifica. Pierre Gasly invece, dopo aver rimontato dal fondo della griglia sino alla sesta posizione, ha dovuto parcheggiare la sua RB14 nel corso del giro n°39. Davvero un peccato per il pilota francese, con un altro weekend sfortunato per il secondo pilota della Red Bull.

Discorso differente da Gasly invece per Max Verstappen. Il pilota olandese dopo un primo stint un po’ sottotono con le gomme a mescola soft, “MadMax” rientrando in pista con le medie dopo la sosta ai box ha mantenuto un ritmo molto costante. Verstappen nella seconda fase della gara è stato addirittura il più veloce di tutti a tratti, con la RB14 che si è comportata bene con le gomme a banda gialla.

Il figlio di Jos è stato capace di portarsi a circa 3″ dalla terza posizione di Vettel. Ma poi la VSC causata dal ritiro del team-mate Gasly ha un po’ compromesso le ambizioni di podio per Verstappen. Difatti una volta rimossa la VSC, la Red Bull non è stata più capace negli ultimi giri nel tornare a girare sul ritmo di prima. Con molta probabilità le gomme sulla vettura di Verstappen non hanno più raggiunto la temperatura ideale negli ultimi giri restanti della corsa. Quindi Verstappen e la Red Bull si sono dovuti accontentare ancora una volta del quarto posto.

Dopo il GP odierno dell’Azerbaijan, Verstappen si ritrova in quarta posizione ad un solo punto di distacco da Vettel. Mentre Gasly dopo lo zero odierno, resta comunque settimo a quota 13.

Sicuramente il team Red Bull si sarebbe aspettato qualcosina in più da questa corsa, considerando anche l’evoluzione della power-unit Honda portata qui a Baku.

Ora il prossimo appuntamento sarà al Montmelò tra due settimane, dove la maggior parte dei team porterà diverse novità tecniche nelle monoposto. Tra queste chiaramente ci sarà anche la Red Bull, con la RB14 che dovrà lavorare parecchio se vorrà recuperare terreno nei confronti di Ferrari, e di Mercedes soprattutto.

Alberto Murador


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".

Lascia un commento