F1 | Baku: Ferrari, si punta tutto sulla gara
 

 


F1 | Baku: Ferrari, si punta tutto sulla gara

La Ferrari ha limitato i danni nelle qualifiche del GP dell’Azerbaijan. Vettel ha ottenuto la terza posizione dietro alle due Mercedes, mentre Leclerc ha sbattuto, gettando al vento una pole position alla sua portata. Domani la gara sarà ancor più fondamentale per la rossa.

La Ferrari non ha raccolto quanto poteva realmente ottenere nelle qualifiche del Gp dell’Azerbaijan. Dopo aver dominato le libere, Charles Leclerc si era candidato al ruolo da favorito per la conquista della pole di oggi. Invece il monegasco ha gettato al vento una potenziale partenza dal palo, andando a sbattere nel corso della Q2 in curva 8 nel tentativo di migliorare il suo crono.

Leclerc prima di andare ad impattare in curva 8, aveva ottenuto un crono significante con la mescola media, a solo sei decimi da Verstappen (davanti a tutti con la mescola morbida in Q2). A dimostrazione che il pilota monegasco si sentiva davvero a suo agio tra i muretti di Baku. Leclerc ha ammesso subito il suo errore, scusandosi con la squadra.

” Oggi sono stato stupido, lo penso veramente. Non devo fare questo, il team merita molto di più. Tutta la gente che ci sta guardando merita molto più. C’era grande speranza arrivando in qualifica, ma ho buttato tutto nel cestino. Colpa mia. Mi prendo tutta la responsabilità. “

Tuttavia per la gara di domani ci sono tutte le potenzialità per risalire la classifica, e perché no, puntare alla vittoria. Leclerc scatterà dalla nona casella con le gomme medie, mentre i piloti davanti a lui partiranno con quelle morbide. Il ferrarista potrebbe allungare il primo stint della corsa, sfruttando anche gli eventuali ingressi della safety car. Sicuramente Charles vorrà rimediare all’errore di oggi, questo è certo.

Vettel invece partirà dalla seconda fila, dietro alla due Mercedes. Il tedesco ha rischiato come il team-mate Leclerc di andare a sbattere sempre in curva 8. Fortunatamente Vettel ha toccato lievemente il muretto interno della curva, riuscendo poi a controllare la sua SF90 in uscita di curva. Ma nel Q3 la sensazione è quella che il tedesco non sia riuscito a trovare il feeling ideale con la sua Ferrari. Se non altro il tedesco è riuscito a limitare i danni, partendo davanti a Verstappen. Poi Vettel ha ammesso il fatto che le Mercedes si siano meritate la prima fila.

” Non so se ci abbiano sottratto la pole, sono sembrati più veloci di noi alla fine. Io ho iniziato un po’ male, verso la fine stavo andando meglio. La sessione è stata complicata perché molto lunga, con la temperatura che si abbassava molto ed il sole che calava. Trovare il bilanciamento è stato difficile, così come trovare le scie nel giro finale. Non ho avuto la scia nell’ultimo tentativo e questo credo che mi sia costato il distacco finale. Sono contento perché credo di aver fatto il massimo però non sono contento perché come team ci aspettavamo di meglio sia da parte di Charles che mia. Le scie dipendono da situazione a situazione. Avere qualcuno davanti nel settore finale di due o tre decimi ti può aiutare, anche se diventa difficile nel settore centrale. Con il sennò di poi avrei potuto prendermi l’azzardo di uscire con qualcuno davanti. “

Per Vettel sarà fondamentale la partenza di domani, con il ferrarista che dovrà cercare almeno di passare una delle due Mercedes al via. La Ferrari deve per forza vincere il GP, perché un’altro trionfo Mercedes rischia davvero di “ammazzare” moralmente la rossa. Insomma dopo queste qualifiche ricche di colpi di scena, per domani si prospetta una gara altrettanto ricca di colpi di scena ed imprevedibile.

Alberto Murador


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".

Lascia un commento