F1 | Abu Dhabi: Red Bull terza con Verstappen davanti a Ricciardo

La Red Bull nel GP di Abu Dhabi va a podio con Max Verstappen terzo davanti a Ricciardo. L’australiano saluta il team anglo-austriaco con un quarto posto, mentre l’olandese dovrà confermarsi al top nel 2019 con l’arrivo della power-unit Honda.

La Red Bull saluta la stagione 2018 con un terzo ed un quarto posto nel GP di Abu Dhabi. Sul gradino più basso del podio è salito Max Verstappen, davanti al team-mate Daniel Ricciardo. Per l’australiano si è trattata dell’ultima corsa con la scuderia di Mateschitz, dopo ben cinque stagioni.

Ricciardo ha provato l’azzardo, cercando di allungare maggiormente lo stint iniziale con le gomme a mescola ultrasoft. Inizialmente la mossa sembrava dar ragione all’australiano, dato che quest’ultimo con gomme più usate aveva lo stesso ritmo dei primi. Ma poi le gomme sulla RB14 dell’australiano hanno iniziato a non rendere più come nei primi giri, costringendo Ricciardo ad anticipare la sosta ai box.

Una volta rientrato in pista con la mescola supersoft, il pilota Red Bull non è riuscito a rimontare sino al podio. Tuttavia è stato molto bello il sorpasso di Ricciardo sulla Mercedes di Bottas nel finale di gara, che è valsa all’australiano la quarta posizione finale. Ricciardo saluta così la Red Bull, tra alti e bassi.

Ora ad attendere Daniel c’è la Renault per il 2019. Difficilmente il binomio Ricciardo-Renault potrà lottare subito per le posizioni di vertice. Un peccato che l’avventura di Ricciardo nel team anglo-austriaco non si sia concluso nel miglior modi, anche per colpa della politica interna imposta da Helmut Marko.

Max Verstappen invece è riuscito a salire sul podio nonostante una brutta partenza dalla sesta casella. L’olandese della Red Bull è partito male allo start per un problema elettronico sulla sua monoposto, scivolando in nona posizione. In pratica al via il suo motore è andato in una mappatura di sicurezza, togliendo così potenza dopo un buon stacco della frizione da parte dell’olandese. Poi come al solito “Madmax” ha compiuto l’ennesima rimonta, trovandosi quinto dopo il ritiro di Raikkonen.

L’olandese poi, ha effettuato la sosta ai box come i suoi diretti avversari, montando sulla sua RB14 la mescola supersoft.

Verstappen si è trovato a lottare con Vettel per il podio in quarta posizione, poi nel finale di gara prima Vettel e poi l’olandese sono riusciti a passare entrambi la Mercedes di Bottas. Verstappen ha così regalato l’ultimo podio stagionale alla Red Bull, dimostrando che la scuderia di Milton Keynes tra le top-3 è stata quella che è migliorata maggiormente in questi ultimi GP.

Ora per il team Red Bull è già ora di guardare al 2019. Con l’arrivo della power-unit Honda sulle monoposto anglo-austriache, c’è fiducia nelle possibilità di poter lottare per il titolo mondiale già dalla prossima stagione. Ed a far compagnia a Max Verstappen, arriva dalla Toro Rosso un altro bel pilotino tenace che risponde al nome di Pierre Gasly.

Il francese ha già promesso battaglia al suo compagno di squadra. Sarà interessante vedere come gestiranno i due piloti Helmut Marko e Christian Horner. Ora da martedì ci saranno i due giorni test per le gomme Pirelli 2019, poi finalmente ci sarà un po’ di vacanza anche per gli uomini della Red Bull.

Alberto Murador


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com