Kubica: quasi fatta per il ritorno in F1 con la Williams

E’ tempo di decisioni per la Williams. Tra circa una settimana inizierà l’ultimo weekend della stagione, ad Abu Dhabi, e andranno prese decisioni importanti. Su tutte, quella del pilota da affiancare a Lance Stroll.

Il secondo sedile della Williams è il più ambito tra quelli disponibili. E’ così nonostante la scuderia di Grove non sia al top della competitività, a causa della scarsissima disponibilità di sedili. Sono stati valutati tanti piloti, ben prima che Massa decidesse di ritirarsi alla fine di questa stagione. Sembrava quasi che tutto il team lo volesse, soprattutto per la storia che si sta tessendo da mesi. Qualcosa da raccontare ai nipoti.

Tra i tanti pretendenti, ce n’è uno che spicca su tutti, ed è quello con più chance di farcela. Stiamo parlando di Robert Kubica. Il pilota polacco debuttò nel 2006 e fin da subito si era capito lo spessore del pilota. Purtroppo, un incidente nei rally all’inizio del 2011 mise un brusco stop alla sua carriera. Salvo per miracolo, ne uscì con il braccio sinistro menomato, e il recupero fu lungo e doloroso. Soprattutto a livello psicologico. E’ difficile accettare un fatto del genere, ancora di più se potevi giocarti le tue chance in F1 ad alti livelli.

Kubica però non ha mai mollato, e oggi si ritrova ad avere la chance di disputare la prima stagione completa in F1 dopo 8 anni. Le possibilità sono molto alte, e perciò siamo vicini a un vero miracolo sportivo. Dopo i test dei mesi passati, Kubica dovrebbe disputare i test ad Abu Dhabi, e secondo fonti inglesi potrebbe correre nel 2018. Verrebbe valutato di gara in gara, e se per caso non fosse ritenuto idoneo potrebbe essere sostituito. Se dovesse concretizzarsi sarebbe una tipologia di contratto inedita per questa era della F1, dovendo ritornare ai tempi di Senna e la McLaren nel 1993 per ritrovare una modalità di ingaggio simile.

Le incognite riguardano la fisicità delle F1 attuali, e l’uscita dall’abitacolo con l’Halo. Sono possibili ostacoli, ma chi scrive è convinto che Kubica possa superarli, e tornare alla grande in F1. Sarebbe la storia più bella degli ultimi anni.

Marco Bottamini

Seguo la F1 dal 2000, GP di Suzuka… Da allora, il mio amore per la regina del motorsport è diventato indissolubile. Ogni domenica è un rito, un brivido, un’emozione, sull’onda della velocità.