Spa e Monza: Ferrari vs Mercedes, prestazione o affidabilità?

Dopo la pausa estiva riprende il Mondiale di F1 con due gare in 7 giorni. SPA e Monza, due appuntamenti speciali, due piste di potenza e motore. La Mercedes sembrerebbe favorita, la Ferrari dovrà saper gestire il vantaggio di Vettel su Hamilton in attesa di piste meno “ostiche”.

Due gare in sette giorni. E che gare! Prima la pista più bella di tutto il campionato, Spa-Francoshamps poi il tempio della velocità, Monza. Due gare in cui conta sfruttare al meglio tutta la potenza delle power-unit e dove ( a SPA) l’abilità del pilota conta ancora un pò di più rispetto al mezzo a disposizione. Sarà spettacolo.

Mercedes sembrerebbe favorita, Ferrari all’inseguimento. Le caratteristiche delle frecce d’argento ben si sposano con i lunghi rettifili e i curvoni veloci del GP del Belgio. Mercedes obbligata a recuperare sarà votata all’attacco, Ferrari dovrà difendersi. Uscire da questo doppio week end di gara in testa al mondiale significherà aver difeso al meglio il tesoretto di 14 punti conquistato in Ungheria.

Le evoluzioni sulle monoposto non mancheranno ma è chiaro che rischiare troppo non conviene, affidabilità e costanza di risultato sono la chiave di questo campionato. Per questo Vettel è in testa al mondiale nonostante la rossa non sia a livello di power unit non performante come la Mercedes. 

Per ammissione di Toto Wolf cambierà anche la strategia delle Mercedes. Ora sarà necessario puntare su chi davvero può lottare per il titolo. Non ci sarà un altro scambio di cortesie e posizioni tra Bottas ed Hamilton, da ora ogni punto farà la differenza.

 

In Ferrari questa strategia è stata adottata già da inizio stagione. Monaco e Budapest l’hanno dimostrato. Kimi Raikkonen si è sempre adoperato al servizio della squadra permettendo a Vettel di arrivare a questo punto del campionato con un piccolo ma prezioso vantaggio da gestire. La riconferma di Raikkonen per il 2018 passa proprio da qui. Dopo SPA si va subito a Monza. Il trend non cambia, pista di altissima velocità e motore. Conteranno l’aerodinamica, la bassa resistenza all’aria, la potenza. Conterà tener testa alle Mercedes e non lasciar spazio alle Red Bull. Chi si inserirà tra Mercedes e Ferrari sarà probabilmente arbitro del campionato.

 

 

 

 

Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l’inizio!

“Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere.” Cit. Ayrton Senna