F1 | Pirelli: indagine sui problemi Ferrari a Silverstone

Pirelli ha avviato subito una indagine approfondita per appurare le cause delle problematiche occorse alle due Ferrari sul finale del GP di Gran Bretagna a Silverstone. Tuttavia un tecnico Pirelli ha già fatto sapere che la natura dei problemi è differente per i due ferraristi.

di Francesco Svelto |

Le due Ferrari sono state sfortunate protagoniste a Silverstone, quando a pochissimi giri dalla fine sono state entrambe colpite da problemi alle gomme e, ironia della sorte, nella medesima posizione: l’anteriore sinistra.

Raikkonen si accingeva a concludere al secondo posto il GP di Gran Bretagna quando senza nessun preavviso la gomma ha cominciato a perdere pressione in maniera graduale fino ad arrivare alla delaminazione dello pneumatico. Il finnico è stato costretto ad un ulteriore pit-stop per potare la macchina al traguardo ma questo gli ha fatto perdere la piazza d’onore e favore di Bottas, che ha suggellato l’ottima giornata della Mercedes completando una doppietta.

Diverso il problema occorso alla Ferrari di Sebastian Vettel, che – appena il giro dopo, quindi il penultimo della gara – si è visto scoppiare la medesima gomma ma, a differenza del compagno di squdra, in maniera del tutto improvvisa.

Anche un tecnico della Pirelli ha confermato che a prima vista i problemi erano palesemente di natura differente, indicando come, nel caso del tedesco della Ferrari, una possible causa possa ricadere in un bloccaggio particolarmente violento mentre era in lotta con Valtteri Bottas per difendere il podio.

Difficile allo stato attuale poter dire con certezza quale siano state le cause scatenanti dei due problemi ma la Pirelli ha avviato una indagine sugli accaduti, come da prassi. Tuttavia non è da escludere neanche l’ipotesi di detriti in pista che possano aver contribuito in maniera più o meno grave ai problemi delle rosse.

Francesco Svelto

Francesco Svelto

Non un tifoso della F1... ma un appassionato! Con F1Sport sin dalla nascita del progetto. Marito e padre, nella vita sono (anche) un ingegnere Sap. Seguimi anche su Twitter (@f_svelto).