F1 | Bobbiese a Pit Talk: “Vettel-Rosberg in Ferrari nel 2018”

All’interno della puntata n°100 di Pit Talk, è intervenuto Franco Bobbiese, presentatore della trasmissione Paddock. Tra Ferrari e Mercedes in Spagna potrebbe tornare la Red Bull, in attesa di capire i primi movimenti di mercato dal GP di Monaco, e che, secondo il nostro ospite, potrebbe portare un incredibile ritorno in Formula 1… 

Ascolta “F1 – Pit Talk puntata n°100” su Spreaker.

Cosa ti aspetti dal GP di Spagna?

FB: Non è semplice fare previsioni. Vivendo dall’esterno è complicato, mentre in pista è differente. Fino a qualche mese fa eravamo scettici sulla Ferrari. Ora va molto bene e ne siamo tutti felici. Quello che più mi spaventa è la questione gomme. Mai come oggi viviamo uno dei momenti di maggiore incertezza sulle gomme. In Moto GP sta succedendo la stessa cosa. Dal paddock mi dicono che la Mercedes abbia un motore nettamente superiore, e nonostante tutto non riesce ad esprime appieno questo potenziale, non riuscendo a sfruttare a dovere le gomme. Non voglio togliere meriti alla Ferrari, che ci sta restituendo un mondiale interessante, quando c’è battaglia è tutto più bello da vedere. Ora come ora non saprei che pronostico fare. Mi dicono che la Red Bull andrà bene a Barcellona. Staremo a vedere.

Ci stiamo avvicinando al GP di monaco, dove spesso si parla di contratti. Pensi che Raikkonen possa lasciare questa stagione?

FB: Purtroppo è qualche anno che non va bene, e questo non è compatibile con una scuderia che vuole ed è tornata in alto. E la ritrovata competitività della Ferrari può creare qualche scompiglio. A detta deli insider, fino a qualche settimana fa, la sensazione era quella che veramente si potesse andare verso una separazione tra Vettel e la Ferrari. Ma se la Ferrari continuerà a lottare per il mondiale dubito che possa andare via. A quel punto trovare un pilota da affiancare sarà difficile. Raikkonen è un pilota nella media che a Sebastian va più che bene. Giovinazzi non penso sia un pilota giusto, non è ancora pronto per poter impensierire un pilota come Vettel. Mi piacerebbe vedere Ricciardo anche se, il vero uomo Ferrari, può essere uno tra Hamilton e Verstappen, ma non penso che potrà accadere nel breve. Alla Ferrari serve un pilota che sappia vincere e che possa dare una svegliata anche a Vettel nel caso in cui passasse un periodo più in basso. Vorrei vedere un pilota in grado di mandare in crisi Vettel come sta facendo Bottas con Hamilton.  

La Ferrari a Sochi ha perso un’occasione per vincere?

FB: Sono in linea con Pino Allievi, pensando che la Ferrari abbia perso una grandissima occasione. Gare come quelle in Russia vanno vinte. Gara intensa, competitiva, bella però alla fine ha vinto Bottas. Li si doveva fare punteggio pieno. Anche perché prima o poi la Mercedes si si sistemerà e potrà tornare li davanti. Non credo neanche che Hamilton stia li a guardare, anche perché da sempre quando subisce certe sconfitte si riprende subito. Soprattutto avendo subito un risultato del genere da un pilota che reputa inferiore. Rosberg faceva un lavoro spaventoso anche in termini di sviluppo. Mi aspetto un Lewis cattivo a Barcellona, dove anche la Ferrari è andata bene nei test. Spero che questa sia una costante del campionato, vedendoli costantemente in lotta tra di loro.

Quale pensi fosse il vero valore aggiunto di Rosberg alla Mercedes?

FB: Secondo me Rosberg può essere il tipo di pilota sul qualeFerrari dovrebbe puntare. È preparato, veloce, ha dimostrato che con il lavoro si possono battere anche i piloti più dotati, costante, intelligente, un grande collaudatore che sa trasmettere ai suoi il lavoro da fare. La Mercedes è stata forte anche per merito suo. Una coppia Vettel Rosberg potrebbe essere la coppia giusta per far tornare a vincere la Ferrari.

Al Minardi day abbiamo visto tanti appassionati, questa nuova proprietà della f1 sta facendo un lavoro diverso che sappia avvicinare allo stesso modo gli appassionati?

FB: Per me no, o almeno a me non è arrivato nulla. Mi sembra tutto uguale, nonostante altri commentatori tentino di convincermi che sia tutto nuovo. Per me non è così. Fortunatamente c’è la lotta in pista, per il resto non sta cambiando molto. Sono rimasto scioccato dai numeri del test in Indicar di Alonso. Sono cose che ti fanno capire come la gente abbia voglia di motorsport. La Formula 1 è ancora un prodotto di èlite, difficilmente avvicinabile ai tifosi. Brawn vorrebbe il ritorno degli aspirati? Bè il sound è uno di quegli elementi che serve alla Formula 1 per riavvicinare i tifosi. Ultimamente ho avuto modo di risentire i v12 in pista, un suono che gela letteralmente il sangue.

 

 

Giuseppe Gomes

Appassionato di auto e motori. Da tester per riviste automotive a co-conduttore del programma radiofonico Pit Talk.