F1 | Alonso, voglia matta di duellare in Cina

E’ la settimana del GP di Cina, la settimana che dovrebbe sancire il ritorno di Fernando Alonso a bordo della sua McLaren Honda dopo i terribili istanti vissuti in Australia a causa dell’incidente con Gutierrez.

di Francesco Svelto |

Fernando Alonso.Il pilota della McLaren è già a Shanghai da qualche giorno – come ha rivelato proprio lui attraverso le proprie pagine social, postando foto con lo skyline della metropoli cinese – e si sta allenando duramente con cyclette e fasce elastiche per tornare nella migliore forma fisica possibile (la varietà dei suoi allenamenti è profondamente limitata a causa della lesione al costato evidenziata dalle TC effettuate in Bahrain).

Proprio a causa delle non perfette condizioni fisiche, Fernando Alonso dovrà essere sottoposto a visita medica ufficiale – e di rito – con presenza di emissari FIA. Lo spagnolo dovrà essere ritenuto idoneo a sopportare gli stress di una vettura di Formula 1 e, soprattutto, dimostrare di essere in grado di sopportare un altro eventuale terribile incidente senza che questo gli provochi ulteriori problemi all’organismo.

Lui e la McLaren si dicono fiduciosi di poter ricomporre il duo titolare (Vandoorne tornerebbe nel ruolo di riserva) in vista della gara che sancì, tre anni fa, la penultima vittoria in carriera dello spagonolo. Ma chi forse ci tiene più di tutti è Fernando Alonso stesso, desideroso – quasi ossessionato – di voler dimostrare che lui a correre ci tiene, che ama il suo team e che il suo spirito samurai – filosofia che studia da anni e che applica in tutti gli aspetti della sua vita – son rimasti immutati nonostante l’età che inesorabilmente avanza e soprattutto – anche – le terribili difficoltà di natura tecnica che lo separano dal suo unico scopo sportivo: la vittoria del terzo titolo mondiale.

Francesco Svelto


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Francesco Svelto

Non un tifoso della F1... ma un appassionato di tutto ciò che è pure-racing a 4 ruote! Nota bene, ho scritto "pure-racing".