F1 Benvenuti ad Austin !

22 ottobre 2015 – La prossima tappa del mondiale si correrà negli Stati Uniti d’America precisamente nel circuito texano di Austin. E’ un circuito molto tecnico, abbastanza spettacolare e amato dai piloti.

Il tracciato parte con un lungo rettilineo e un tornante in salita di prima marcia, qui i piloti devono stare attenti a non bloccare gli pneumatici. Successivamente si ha una veloce curva a destra che immette in serie 4 curve in successione molto veloci e divertenti, questa serie di destra, sinistra ricorda molto la zona di Becketts a Silverstone. Dopo si ha una chicane e una curva a sinistra che porta a un altro tornante. Qui è molto importante curare l’uscita dalla curva perché si ha un lungo rettilineo che porta alla staccata più importante del circuito, in gara vedremo la maggior parte dei sorpassi in questa curva o alla fine del rettilineo di partenza.

austin_circuit

Questa successiva parte del tracciato è caratterizzata da 3 curve che viste dall’alto hanno la forma di “U”, le prime due sono più strette invece la terza è molto più ampia e viene percorsa in pieno in quinta o sesta marcia. Le prime due solitamente vengono affrontate in terza marcia a circa 150 km/h. Alla fine di questo tratto si hanno due curve ad angolo retto che immettono nuovamente nel rettilineo principale.

Il circuito Texano solitamente non è molto aggressivo con le gomme, infatti Pirelli ha portato medium e soft che permetteranno un gran premio con due o tre soste. Importanti saranno le temperature che durante il week end possono variare tantissimo. Se saranno alte la Ferrari potrà avere un vantaggio, se no sembra proprio il circuito giusto per le Mercedes, visto che si hanno curve veloci e gomme abbastanza dure. Altra incognita per valutare le prestazioni è quella dei motori. Infatti quasi tutti si aspettavano che Ferrari portasse la quinta power unit evoluta, pagando una penalità in griglia, ma ora sembra che l’utilizzo di questa nuova unità avvenga la prossima stagione.


Luca Stefanini

Ho 25 anni,sono un ingegnere meccanico e amo lo sport. Seguo soprattutto il calcio e la Formula 1.