F1 Forse le Mercedes hanno un punto debole
 

 


F1 Forse le Mercedes hanno un punto debole

1 agosto 2015 – All’ inizio della stagione, in molti si auguravano che la Ferrari si avvicinasse alle prestazioni della Mercedes per poter approfittare dei problemi di affidabilità. Per ora l’affidabilitá non è stato un fattore in questo senso, piuttosto sono stati altri errori che hanno permesso alla scuderia di Maranello di vincere.

Le rosse quest’anno hanno vinto due volte, grazie al giusto mix tra fortuna e competitività della vettura. Sia in Ungheria che in Malesia la Ferrari ha dimostrato di avere un passo gara molto vicino a quello delle Mercedes, ma analizzando la gara si può notare che i tedeschi hanno commesso alcuni errori.

gomme_pit_stopIn Malesia il muretto box ha sbagliato la strategia, richiamando al pit-stop, durante la safety car, tutte e due le macchine. Invece la giusta scelta era di rimanere in pista come hanno fatto le Ferrari. In Ungheria la squadra non ha commesso grossi errori, ma i piloti hanno completamente sbagliato la gara. Sono partiti entrambi malissimo e Hamilton, che fra i due Alfieri della Mercedes, sembrava quello più in forma, è uscito di pista e ha disputato tutta la gara rincorrendo le vetture italiane.

Analizzando queste due gare, ma pensando anche a Monaco, probabilmente  il vero punto debole della scuderia tedesca quest’anno è l’incapacità di mantenere la calma durante i pochi momenti dove sono in  difficoltà. Appena le altre scuderie si avvicinano alle loro prestazioni, gli uomini di Toto Wolf perdono di lucidità e commettono degli errori abbastanza banali. Per ora solo il loro strapotere tecnico gli ha difesi dalle altre scuderie, ma se per caso la Ferrari durante la stagione o il prossimo anno si avvicinasse ancora di più in termini di prestazioni, la scuderia di Stoccarda dovrà avere più calma e migliorare la gestione delle difficoltà.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Luca Stefanini

Ho 25 anni,sono un ingegnere meccanico e amo lo sport. Seguo soprattutto il calcio e la Formula 1.

Lascia un commento