F1 Alonso potrebbe non vincere più

6 maggio 2015 – Quali sono le probabilità di tornare a vincere di Fernando Alonso? La crisi della McLaren sembra che lentamente stia arrivando a un punto di svolta (vengono infatti annunciate novità tecniche particolarmnte rilevanti, sia sul piano della Power Unit che su quello dell’aerodinamiica), ma ad avviso di alcuni addetti ai lavori la sua crisi potrebbe non finire mai.

Le parole sono quelle del suo ex-compagno di squadra Jarno Trulli, che intervistato dalla BBC ha analizzato il momento dello spagnolo e ha utilizzato parole piuttosto lapidarie sul suo destino, evidenziando da un lato come i problemi della McLaren siano piuttosto difficili da risolvere e dall’altro che, quand’anche lo sviluppo raggiunga un livello per così dire accettabile, potrebbe non essere sufficiente.

Per il pilota abruzzese, infatti, nel momento in cui la Mclaren farà segnare un progresso anche significativo delle proprie prestazioni Ferrari e Mercedes potrebbero già essere lontane, anche perchè hanno un vantaggio che le rende superiori rispetto agli altri team: esse infatti sono Case costruttrici e non devono affidarsi all’esterno per la fornitura delle componenti quali per esempio la Power Unit, il coordinamento è di gran lunga maggiore e riescono a seguire direttamente il progetto e lo sviluppo integrale della vettura. Cosa che invece non accade in altri team come Red Bull o McLaren.

In più, Trulli pone l’accendo anche sul carattere dello spagnolo, che definisce un ottimo ragazzo dotato di una spicata personalità, con cui è facile instaurare un rapporto ma è difficile confrontarsi. Cosa che, ad avviso di Trulli, porta a danneggiare gli equilibri del pilota spagnolo con il team e con i propri comopagni di squadra, tra cui lo stesso Trulli e, ora, Jenson Button. Il risultato di questo velenoso cocktail, secondo Trulli, è che Alonso potrebbe addirittura arrivare a non vincere più nemmeno una gara, ma il pescarese si augura che questo non accada.

Cristian Buttazzoni

"Life is about passions. Thank you for sharing mine". (M. Schumacher) Una frase, una scelta di vita. Tutto simboleggiato da un numero, il 27 (rosso, ma non solo)