F1 | Conferenza stampa integrale dei primi tre in griglia di partenza

Melbourne, 15 marzo 2014 – Qui di seguito la conferenza stampa dei primi tre piloti sulla griglia di partenza1898040_10152281416519598_1104736378_n , Hamilton, Ricciardo e Rosberg

D : Lewis, un po ‘ di storia oggi su alcuni numeri, non ultimo la prima pole position con questa nuova formula e aver eguagliato Nigel Mansell a 32 pole in carriera.

Lewis Hamilton : Già. E’ stato un fine settimana interessante. Oggi le condizioni lo hanno reso molto più difficile per tutti. Sono davvero felice per il lavoro la squadra ha fatto . Queste nuove vetture sono molto più difficili da guidare sul bagnato ed era la prima volta che le guidavo sul bagnato, come sono sicuro che lo è stato per molti di noi. La sfida di oggi è stato un compito gravoso, ma è una grande soddisfazione per la squadra, per me e Nico di essere qui ed è ovviamente bello vedere Ricciardo qui per il suo primo Gran Premio con la Red Bull.

D: Raccontaci le condizioni, in quanto ovviamente ha piovuto molto verso la fine. Ci sono state decisioni differenziate su quali pneumatici montare e la vostra è andata sulle full-wet. E’ stata la decisione giusta?

LH : Sì, era un po’ al limite. E’ stato molto difficile sapere qual è il momento in cui cambiare le gomme, decidere se prendere un simile rischio oppure no; io ho deciso di non prenderlo. Ricciardo , Daniel ha fatto un ottimo lavoro con le intermedie, quindi ovviamente c’era un margine molto ridotto tra le due mescole. Ma le condizioni rendevano il tutto estremamente difficile. C’è molta più potenza, quindi sei costretto a cambiare le marce in modo molto ravvicinato sul rettilineo in quinta, sesta e settima marcia prima di poter ottenere la massima accelerazione. Ma è comunque una guida molto divertente e spero che il tempo migliori domani, soprattutto per i tifosi, ma anche per noi.

Q : Daniel , penso che il tifo della folla abbia detto davvero tutto , un’incredibile prima sessione di qualifiche Red Bull per voi e un sacco di orgoglio australiano, giusto?

Daniel Ricciardo : Sì , è stato emozionante . Sicuramente il meteo è stato un fattore aggiunto nella mischia e tutta la sessione è andata bene . All’inizio non tutti sono usciti con le option ma durante la Q1 sembrava che stessimo facendo la scelta giusta. E poi, quando è arrivata la pioggia, come ha detto Lewis, è stata la prima volta che tutti abbiamo guidato queste auto al limite in condizioni di bagnato . E ‘stato difficile ma , allo stesso tempo molto divertente. E ‘stato bello essere sempre lì. L’ingegnere alla radio mi diceva ‘Il ritmo è buono, sei in P1 , P2 , P3’ ed ero sempre nella lotta per la pole position. Quindi sicuramente una bella sessione di qualifica per il team.

D : Beh, tuo compagno di squadra è giù al 13 ° posto, quale pensi fosse la differenza oggi?

DR : Io non so ancora quali sano stati i suoi problemi. Penso che sia stato… Ho visto che era circa a due secondi o giù di lì dal mio passo. Dovremo vedere cosa è andato storto con Seb e il suo lato del garage. Ma per ora, sono felice per me almeno di essere qui e per il team di avere una partenza in prima fila, penso che nessuno pensava di arrivare a questo punto un paio di settimane fa, quindi sono molto soddisfatto adesso.

D: Molto bene. Nico, nell’ultima sessione di qualifiche è stata una questione di tempismo? Che tipo di problemi hai avuto?

Nico Rosberg : Io non ero  davvero sicuro di quello che facevano gli altri . Di sicuro non siamo andati bene oggi, ma non sappiamo cosa succederà domani. Quindi, non credo che siamo andati molto male. Certo , col senno di poi si può sempre dire ‘oh avremmo potuto migliorare questo o quello’, ma tutto sommato credo che sia stata una buona sessione di qualifica. Terzo è … soddisfacente. Avrei potuto partire meglio, va bene. So che abbiamo una macchina veloce in gara e fare una buona prestazione è possibile.

D: C’è stata una lotta ravvicinata tra te e Lewis nel corso di questo fine settimana, quindi cosa succederà domani?

NR : Ovviamente sarà una storia completamente diversa rispetto ad oggi . Inoltre, sempre a seconda del tempo e cose del genere , noi non sappiamo realmente cosa sta per accadere , c’è una lieve possibilità di pioggia anche domani, ma credo che più probabilmente sarà asciutto. Sarà totalmente diverso quest’anno … soprattutto a Melbourne, che è il tracciato più difficile per i consumi, quindi sarà difficile preservare abbastanza carburante in gara – una grande sfida.

D: Avete avuto un problema di affidabilità con Lewis il primo giorno qui, ma siete stati entrambi molto, molto veloci il resto del weekend, cosa vi aspettate per domani ?

LH : In definitiva è solo verso il lavoro incredibile la squadra ha fatto durante l’inverno e attraverso prove e venire qui … naturalmente abbiamo avuto un piccolo incidente di percorso venerdì mattina – non era proprio un problema, è stato un peccato aver perso la sessione. Ma è stato risolto rapidamente, quindi non c’è stato bisogno di aprire tutta la macchina, ha una struttura solida e speriamo di poter continuare a risolvere i problemi in questo modo.

D: Lewis , ti chiedo di fare qualche considerazione, soprattutto in merito ad aver eguagliato Nigel Mansell nel numero di pole position. Sono sicuro che sia qualcuno che osservavate quando siete cresciuti guardando le gare. Ovviamente si tratta di un personaggio molto stravagante in Formula Uno e oggi lo hai eguagliato.

LH : Sì, certamente. Un altro inglese, uno dei più grandi piloti britannici che abbiamo avuto che raggiunto grandi risultati. Ho iniziato a correre da quando avevo 8 anni, arrivare in Formula Uno è sempre stato il mio sogno, ma per arrivare al suo numero di pole position è … sì, un incredibile risultato e lo devo a tutte le persone fantastiche con cui ho lavorato durante  la mia carriera alla McLaren-Mercedes e ora al team Mercedes, alla mia famiglia e alle brave persone che ho intorno a me. Non sarei stato in grado di compiere quei giri e quelle pole position senza quelle persone che mi hanno aiutato. E’ stato un lavoro di squadra.

D: Domanda per te Daniel. Dovrai scontrarti con Sebastian come compagno di squadra. E’ un compito arduo ma quanta fiducia pensi di ottenere proprio dal risultato di oggi?

DR : Sicuramente si tratta di una … Io non guardo a lui, sono sicuro che ha avuto qualche problema oggi, ma per me iniziare la stagione con una prima fila è una buona credenziale per avere la fiducia del team. Certo, ovviamente è solo l’inizio. Io, ovviamente, devo correre domani e, ovviamente, finire nella prima parte dell’ordine di arrivo e poi vedere come va avanti la stagione. Gli ultimi due giorni sono stati molto positivi per noi.

D: Nico, all’inizio della qualifica tu e Lewis eravate molto vicini, con la volontà di entrambi di uscire in pista per primi. Credo che voi non vi siate potuti aiutare a vicenda, ma che eravate liberi di correre.

NR : No, non è stato affatto così, e ci sono stati ordini chiari anche dal team secondo cui Lewis usciva per primo. Si è convenuto così e così va bene. E’ solo che ho voluto fare una prova di partenza e la posizione per la prova di partenza è sulla destra . Siamo abituati a farlo, quindi mi sono messo lì solo per quello.

DOMANDE DALLA PLATEA

D: ( Mark Fogarty – Auto Action and Fairfax Media ) Daniel, puoi dirci se sei felice dall’aver ottenuto un’ottima prestazione al debutto con la squadra nella tua gara di casa ?

DR : Sì, sono davvero entusiasta ma , allo stesso tempo, rimango calmo e concentrato, perché quello che conta è domani, sicuramente, quindi non c’è alcun motivo per festeggiare stasera e non concentrarsi su domani. Credo che, parlando solo di oggi, sia stata davvero una buona giornata per noi. La vettura era abbastanza buona da guidare sul bagnato. Penso che all’inizio dell’anno temevamo tutti quanto fosse difficile domare questi nuovi animali in condizioni di bagnato ma era … è come ricevere un pugno, ma allo stesso tempo è stato molto bello guidare in queste condizioni. Il controllo del turbo e dell’accelerazione è stato divertente. Molto eccitante. Ho sentito l’urlo del pubblico durante il giro di rientro, quindi tutto quello che posso dire è che spero di sentirlo anche domani.

D: ( Frederic Ferret – L’ Equipe ) Per tutti e tre: come si fa a guidare senza il rumore del V8, cambia qualcosa del modo di guidare e nell’atteggiamento verso la vettura?

LH : Come si guida in modo diverso o… ? Senza rumore. E’ la stessa cosa, solo che non si sente tanto. Sembra di sentire il vento quando si scala dalla quarta-quinta marcia, nella discesa quinta-quarta- terza . Potrebbe essere diverso per gli altri ma tutti dicono che si deve guidare in modo molto più graduale con l’acceleratore, avere i riflessi pronti e tutto questo è molto importante .

NR : È solo che abbiamo meno grip e più coppia, che è la differenza principale, e che rende solo più difficile l’uscita di curva, soprattutto ora sul bagnato, e la rumorosità, con la differenza che posso sentire il bloccaggio dei freni, che non ero abituato ad ascoltare, come su una vettura stradale, quando stridono in curva. Ora si può sentirlo perché il rumore del motore non è tanto forte e questo è davvero strano, ma interessante anche perché ora posso anche sentire il retrotreno, anche se non lo sento più di tanto, che mi dà qualche indicazione in più.

DR : Sono d’accordo con quello che ha detto Lewis, si sente il vento molto di più, soprattutto alle alte velocità. Credo di sapere quando soffiano delle raffiche.

D: ( Andrea Cremonesi – La Gazzetta dello Sport) Per tutti voi: abbiamo visto durante questa qualifica un sacco di giri veloci uno dopo l’altro. Abbiamo capito che in condizioni di asciutto si dovrebbe fare un giro e poi un giro lento per ricaricare le batterie. Cambia qualcosa in condizioni di bagnato?

LH : Beh, naturalmente sul bagnato gli spazi di frenata sono molto più ampi, così in un giro secco dove si libera tutta la potenza, si frena in uno spazio per quasi doppio o un po’ più a lungo, forse per un terzo in più nello spazio di frenata, in modo da avere più tempo di ricarica per la batteria. Ma, naturalmente, è più facile se lo fai nella successione giro veloce-giro lento-giro veloce, che per qualcuno è possibile.

DR : Confermo quanto ha detto Lewis.

D: ( Jacob Polychronis – F1Plus.com ) Daniel, quale particolare aspetto della corsa richiede più attenzione in futuro? Nico ha parlato molto di consumo di carburante e degrado delle gomme ieri, essendo le aree chiave. Che ne dite in Red Bull?

DR : Sì, probabilmente credo che sia la stessa per tutti. La benzina è probabilmente un punto interrogativo per un sacco di squadre. Non abbiamo ancora coperto una distanza di gara eppure così penso che probabilmente sarà una di quelle cose che stiamo cercando di capire … ogni giro che facciamo in gara , capiremo sempre qualcosa in più. Penso che alla guida non cambierà molto, mi limiterò a ricevere informazioni dal muretto dei box . Ci sono diverse modalità per controllare il consumo sul volante e dovrò solo agire di conseguenza. Penso che il degrado delle gomme probabilmente non sarà troppo, credo, con la pioggia che laverà la pista e la renderà un po’ “verde” – come lo chiamiamo noi – e l’asfalto sarà molto gentile con i pneumatici posteriori. Non credo che il degrado dei pneumatici sarà un problema enorme domani.

D: ( Will Hagon – ABC Radio ) Daniel, con tutta la pressione che c’è stata su di voi questa settimana, sulla vostra factory, sul team in pista e tutto il resto, come hai dormito e come pensi dormirai stasera?

DR : Ho dormito bene . Penso che ero piuttosto logoro entro la fine della giornata con tutte le attività curricolari in più che ho fatto. Ho dormito bene. Sono andato nella fabbrica Oz più di una settimana fa. Ero a Sydney per un festival Top Gear così avuto il tempo di smaltire il jet lag e sono sicuro che dormirò bene stanotte. Domani si partirà abbastanza tardi quindi non devo impostare eventuali sveglie. Dovrebbe andare bene.

D: ( Dan Knutson – Auto Action ) Daniel, la vettura va molto meglio rispetto ai test. È dovuto alla percorrenza di più giri sfruttando le performance della macchina o invece le novità introdotte hanno rappresentato un aiuto fondamentale?

DR : Penso che sia dovuto probabilmente al fatto che abbiamo girato di più. Nei test, purtroppo, abbiamo girato molto per cercare l’affidabilità e per eliminare i problemi di surriscaldamento e quindi non eravamo molto concentrati su quale set-up stavamo usando o nulla di tutto ciò. Penso che dopo ieri è stata la prima volta probabilmente abbiamo lavorato sul set-up e la comprensione della vettura. Credo che tutti i ragazzi dell’aerodinamica stanno raccogliendo sempre più informazioni per rendere la macchina un po’ più veloce ogni volta che corriamo. E’ sicuramente una cosa positiva per noi adesso e speriamo che il trend di crescita continui e possiamo cominciare a coinvolgere presto questi ragazzi in condizioni di asciutto.

D: ( Mat Coch – pitpass.com ) Daniel, una domanda che sta a cuore a ogni australiano: come ti senti nelle partenze?

DR : Vediamo come partiamo domani! L’anno scorso è andata a fasi alterne. Credo che tutti guarderanno la gara, vediamo come andrà. Penso che sarà interessante per tutti con il V6 turbo. Penso che sia una cosa diversa in griglia. Speriamo di uscirne bene.

D: (Phil Branagan – Chevron Publishing) Dan, avrai certamente avuto una stima dopo le prove libere su dove avreste potuto qualificarvi. L’avete superata? Di quanto? E qual è la vostra aspettativa per domani?

DR : Penso che l’abbiamo superata solo perché la qualifica era bagnata; se ci fosse stata una qualifica asciutta ci saremmo aspettati Lewis e Nico a prendersi la prima fila. Penso che il loro ritmo sull’asciutto era stato impressionante finora in questa settimana quindi noi abbiamo superato un po’ le nostre aspettative, ma chiaramente la pista bagnata crea un po’ di sorprese e si deve solo prendere la sessione come viene e vedere come se ne esce. Non avevo fatto troppi calcoli nella mia testa. Ho dovuto solo guidare e adattarmi alle condizioni. Come ho detto, è stato piacevole sentire il mio ingegnere alla radio dicendo che stiamo combattendo per i primi tre posti. E’ bello da sentire e ovviamente ti dà anche un po’ di motivazione.

D: ( Mark Fogarty – Auto Action and Fairfax Media), Lewis e Nico , siete sorpresi di vedere Daniel seduto lì accanto a voi?

LH : Niente affatto. Ha mostrato grandi prestazioni in anni precedenti e lui ha una buona testa sulle spalle, molto talento, quindi, ad essere onesti, c’era da aspettarselo; questo insieme al team Red Bull, che è stato in cima alla classifica per diverso tempo, quindi bisogna supporre che quest’anno lotteranno per stare molto vicino a noi. Ma senza dubbio hanno fatto un lavoro eccezionale.

NR : No, nemmeno io, hanno fatto un ottimo lavoro, certamente. Spero riesco di riuscire a superarlo domani. Di sicuro, gli faccio i miei complimenti.

D: ( Tony Schibeci – SEN ) Daniel, negli ultimi due anni sei stato in lotta con i grandi. Ora sei uno dei grandi. Non è fantastico?

DR : Sì, è fantastico. Non posso superarmi . Ho ancora un po’ di cose da provare. Devo ancora stabilizzarmi in prima fila. Sarebbe ovviamente bello essere qui nei prossimi fine settimana e per presentarmi stabilmente nella parte alta della griglia, e questo è sicuramente un passo in quella direzione, però certamente, come ho detto, c’è ancora del lavoro da fare ma sono ovviamente speranzoso per quello che appare davanti a noi e questo ci dà un’iniezione di fiducia.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Cristian Buttazzoni

"Life is about passions. Thank you for sharing mine". (M. Schumacher) Una frase, una scelta di vita. Tutto simboleggiato da un numero, il 27 (rosso, ma non solo)

One thought on “F1 | Conferenza stampa integrale dei primi tre in griglia di partenza

Lascia un commento