sabato, Ottobre 1, 2022

F1 | Belgio: Verstappen vola e umilia la Ferrari

Verstappen partito a centro gruppo causa penalità motore stravince un GP di Belgio mai in dubbio. La Ferrari viene umiliata e dice addio alle speranze mondiali.

di Federico Caruso | @fclittlebastard

Una gara senza nessun tipo di dubbio sull’esito finale. Oggi a SPA Francorchamps è stato un monologo Red Bull. E una sinfonia per Max Verstappen che partito da ultimo vince un GP stracciando tutti gli avversari. Questa Red Bull al ritorno dalla pausa estiva sembra ancora più forte rispetto a come l’avevamo lasciata. La Ferrari non coglie l’occasione con Sainz di portare a casa una vittoria partendo in P1. La differenza di velocità e di passo gara impressionante delle Red Bull ha fatto la differenza.

Pensare che Verstappen era partito ultimo e già nel giro di 8 giri si è ritrovato primo in classifica, nonostante la safety car nei primi giri. Sulla pista di SPA Francrochamps la velocità mostrata da Verstappen rispetto agli altri piloti in pista è stata abissale. Con le gomme rosse è riuscito anche ad allungare lo stint e rispondere alla Ferrari di Sainz che aveva anticipato il pit per il forte degrado delle gomme rosse. Leclerc partito in P14 invece ha dovuto prima combattere con la sfortuna per una pellicola della visiera infilatesi nel condotto dei freni anteriori, ma poi durante tutta la gara non ha mostrato un passo pari alla Red Bull.

Ciliegina sulla torta, altra mossa Ferrari, rientra a due giri dalla fine al box per montare gomme rosse e provare a togliere il giro veloce a Max. Finisce per prendere una penalità e perdere una posizione all’arrivo grazie alla penalità di 5 sec per superamento limiti nella pit lane. Nelle retrovie, Mercedes quasi non pervenuta. Hamilton taglia la strada ad Alonso nelle prime battute e danneggia la sua auto costringendolo al ritiro.

Russell solita gara senza sbavature che gli consentono di arrivare in P4. Alonso, solita gara da leone della pista, combatte all’inizio del GP per le prime posizioni e finisce con la sua Alpine in P5 davanti Leclerc.

Abbiamo assistito ad una gara segnata da un dominio di Verstappen imbarazzante. La Ferrari che doveva ritrovarsi a combattere ogni GP fino alla fine si ritrova invece umiliata dalla differenza di prestazioni tra le monoposto. Ormai il mondiale è segnato, e la scuderia di Maranello potrà solamente limitare i danni.

Federico Caruso
Federico Caruso
Nato a Roma sotto il segno dei motori turbo V6 nel 1984. Sono sempre alla ricerca di qualcosa che mi sappia emozionare come Ayrton Senna. Scrivo con passione per amore della F1.

Ultimi articoli

3,652FollowersFollow
1,150SubscribersSubscribe