F1 | Ferrari : Dal Monte e Zapelloni , I risultati non scalfiscono il marchio.

A Margine della presentazione del libro  “ il grande libro della Formula uno”, Luca dal Monte e Umberto Zapelloni riflettono sul difficile momento sportivo della rossa. “Il potere del brand Ferrari non c’entra nulla coi risultati in pista.”

Ieri a margine della presentazione dell’ultimo libro di Luca Dal Monte e Umberto Zapelloni ( più volte ospite del nostro format Pit Talk) abbiamo avuto l’opportunità di fare qualche parola sul difficile momento che attraversa la Scuderia Ferrari.

La domanda che gli appassionati si pongono è : Se il momento di crisi dovesse perdurare anche dopo i 2021, ci potrebbe essere una connessione tra i mancati risultati e un declino di appeal del marchio più potente al mondo?

La risposta secondo gli autori è no. “Fortunantamente non esiste nessuna correlazione tra i risultati di pista e quelli di vendita di Automobili”. La Ferrari è un brand potentissimo. Continua Dal Monte, “quando io lavoravo in Ferrari c’erano tre anni di lista d’attesa per avere la 360 Modena, era un periodo nel quale non si vinceva un titolo da oltre 20 anni”

Zapelloni ribadisce il concetto, “La correlazione tra mercato e pista è inesistente . Ferrari in futuro non si accontenterà più di vendere le macchine che vende oggi, andrà ad esplorare nuovi settori di mercato. Pensiamo se qualche tempo fa avessimo immaginato un SUV Ferrari, impensabile. Invece arriverà, sarà una vettura che ridefinirà il concetto di SUV sportivo.  Qualcosa di diverso rispetto a ciò che ha fatto Lamborghini con Urus, qualcosa che contribuirà ad aumentare i volumi di vendita. Porsche con questa soluzione si è salvata. (Cayenne, Macan, Panamera ndr.)

GP TOSCANA FERRARI 1000 F1/2020 – SABATO 12/09/2020
credit: @Scuderia Ferrari Press Office

Mercato e risultati quindi per un brand forte come la Ferrari per fortuna non sono strettamente correlati. La Ferrari ha nel suo dna lo spirito della corsa. L’intenzione del Fondatore, la volontà di correre, rimane il punto cardine della Scuderia che poi con l’azienda vende anche le macchine.

Il discorso è diverso per gli altri. Renault, Mercedes, Honda ( fresca d’addio alla Formula 1 dal 2022) ed in passato Toyota o BMW sono entrate ed uscite dalla Formula 1 con lo scopo di mostrarsi e farsi pubblicità. Questo non avviene per Ferrari, da sempre in Formula 1, da sempre presente per correre.

Con Ferrari l’unica vera scuderia rimasta era la Williams. La Cessione della scuderia da parte della famiglia Williams è una grande perdita per tutta la Formula 1.

 


Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna