F1 Pressione gomme? Niente pole Mercedes
 

 


F1 Pressione gomme? Niente pole Mercedes

19 Settembre 2015 – Forse sarà un caso, ma dopo il cambiamento regolamentare imposto dalla FIA riguardo la pressione degli pneumatici la Mercedes ha mostrato notevoli difficoltà nel trovare il setup ideale nelle loro monoposto. Terza fila per entrambe le “Frecce d’argento” con Hamilton davanti a Rosberg.

Di Alberto Murador

Ci eravamo lasciati con il weekend del Gp di Monza, quando la Mercedes dimostrò ancora una volta la sua superiorità in qualifica ma sopratutto in gara nei confronti dei rivali. Lewis Hamilton vinse a mani basse il Gp d’Italia, nonostante il “giallo” relativo alla pressione gomme sulla sua W06, bensì inferiore di 0,3 psi rispetto ai parametri Pirelli imposti dalla FIA. Alla fine non ci fu nessuna sanzione nei confronti della Mercedes, confermando la vittoria del Gp a Lewis Hamilton.

mercedes_13f1-singapore2015-2234A distanza di due settimane è iniziato ieri il weekend del Gp di Singapore sul circuito di Marina Bay, ed incredibilmente sin dalle prime prove libere si è vista una Mercedes molto nervosa ed incapace di reggere il confronto con le competitive Ferrari e Red Bull. Inizialmente si pensava ad una pretattica da parte del team tedesco per ingannare i rivali, tuttavia anche nella giornata odierna si è visto il limite delle due W06 di Hamilton e Rosberg sia nelle ultime libere che nelle qualifiche.

Solo terza fila per le due Mercedes di Hamilton e Rosberg, distanziate di oltre 1″5 dallo strepitoso Vettel, autore di riportare in pole la Ferrari dopo oltre tre anni. Come si può spiegare un tale divario in qualifica della Mercedes nei confronti della Ferrari e della Red Bull? Che sia stato il cambio regolamentare post Monza imposto dalla FIA riguardo la pressione delle gomme ad incidere sulle prestazioni delle monoposto tedesche?

Sarà un caso ma sin qui le due W06 non sono mai riuscite a dimostrare il loro solito potenziale visto in questo 2015 nel corso delle qualifiche sin qui disputate, ne Hamilton ne Rosberg hanno trovato il giusto bilanciamento nelle loro vetture, ma soprattutto non sono riusciti a sfruttare le gomme super-soft sopratutto nel Q3 sorprendendo in negativo tutti in casa Mercedes a cominciare dal team principal Toto Wolff.

Shock non è la parola giusta da dire per il nostro risultato odierno, dobbiamo analizzare quello che è successo anche se siamo sorpresi di vedere le nostre vetture così indietro, è davvero strano. Domani c’è una concreta possibilità nel poter essere battuti dai nostri rivali per la terza volta in stagione.”

Probabilmente nei Gp sin qui disputati qualche tipo di vantaggio la Mercedes potrebbe averla ottenuta da una minore pressione degli pneumatici, consentendo di fatto ad una maggiore superficie della carcassa della gomma di essere a contatto con l’asfalto aumentando di conseguenza la stabilità della monoposto in percorrenza ed in uscita dalle curve, tutto a beneficio delle performance sul cronometro e magari ad una minore usura degli pneumatici rispetto agli altri.

Ovviamente non c’è nulla di certo, però certamente non è un ipotesi da scartare sul vantaggio sin qui dimostrato dalle due W06, senza nulla togliere alla bontà del telaio e della power-unit Mercedes.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".

Lascia un commento