F1 Sauber: confermati Nasr ed Ericsson per il 2016

23 Luglio 2015 – All’inizio del weekend che precede la pausa estiva, la Sauber ha confermato con un annuncio ufficiale Felipe Nasr e Marcus Ericsson per la stagione 2016. Una scelta che non sarà priva di ripercussioni nell’ottica del mercato piloti.

Felipe Nasr e Marcus Ericsson saranno alla guida delle due Sauber anche nella prossima stagione. Lo ha comunicato ufficialmente nella mattinata la stessa scuderia elvetica. Nasr ed Ericsson hanno approfittato di una Sauber tornata a buoni livelli di competitività soprattutto nella prima parte di stagione per mettere a segno piazzamenti importanti e per raccogliere punti preziosi nell’economia del campionato piloti e costruttori. Alla luce delle ultime gare che hanno visto una Sauber decisamente più in difficoltà rispetto ai primi GP dell’anno, confermare la line-up piloti anche per la prossima stagione può essere un modo per dare sin da subito stabilità al team e per potersi concentrare unicamente sullo sviluppo della vettura per cercare un incremento di prestazioni da qui alla fine del campionato.

La scelta di confermare Ericsson e Nasr ha certamente degli effetti nel mercato piloti, soprattutto in relazione al pilota brasiliano. Nasr infatti alla prima stagione in F1 si è dimostrato certamente un buon pilota, pur trovandosi, molto spesso, non troppo sotto le luci dei riflettori come accade ad esempio a Sainz Jr. e Verstappen, anch’essi esordienti in F1. Il nome del brasiliano era stato accostato nell’ultimo periodo a quello della Williams, nell’eventualità in cui il team inglese avesse dovuto sostituire Valtteri Bottas, il quale, a sua volta, sarebbe destinato a prendere il sedile di Raikkonen in Ferrari. La conferma di Nasr in Sauber elimina un tassello importante dal mercato piloti che, tuttavia, si trova ancora nel vivo e che tanto farà parlare di sè anche durante la pausa estiva successiva al Gp d’Ungheria.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Pierpaolo Verri

Ho 21, vivo a Lecce e studio giurisprudenza. Amante dei motori, cresciuto con le gesta di Schumacher e della Ferrari, mi diverto a raccontare lo sport più bello del mondo: la F1.

Lascia un commento