F1 | Melbourne: Honda primo podio grazie a Red Bull
 

 


F1 | Melbourne: Honda primo podio grazie a Red Bull

Max Verstappen e la sua Red Bull sono stati la sorpresa del GP inaugurale di Melbourne. Ottima prestazione e podio, il primo per la Honda dal 2008. Battute le Ferrari.

Dietro il dominio Mercedes il primo degli altri è Max Verstappen. La Sua Red Bull Honda conquista il primo podio stagionale e conferma il talento del pilota olandese. Verstappen ha fatto il possibile e per quanto ha potuto non ha mai mollato di inseguire da vicino Hamilton. Senza un piccolo lungo nel finale del GP forse poteva avere un tentativo per provare un attacco.

Max Verstappen RedBull

Il suo è un podio importante. E’ il primo podio di Honda da quando è tornata in Formula1, un risultato che per la casa giapponese mancava dal 2008.

A fine gara Verstappen :

“ Sono molto contento per il team e soprattutto per Honda, stiamo facendo insieme un lavoro fantastico e mi sto divertendo molto, questo risultato lo dedico a tutti loro”

La Honda era attesa al varco in questo GP dopo che negli anni scorsi con McLaren non era mai riuscita a rendere secondo le aspettative. Ora il vento sembra essere cambiato, sintomatico il momento in cui la power-unit Honda ha passato la Ferrari di Vettel, di potenza.

Honda non sarà ancora al livello dei top team ma la Red Bull conferma di avere anche quest’anno un ottimo telaio, ecco perché l’abbinamento funziona è sarà da considerare spesso l’outsider che non ti aspetti.

Il motore Honda si è mostrato affidabile e potente. Di certo Verstappen non lo ha risparmiato nel suo inseguimento ad Hamilton e per questo il risultato acquisisce ancora più valore.

Non benissimo Gasly, attardato in 17esima posizione al via ha rimontato fino all’11esimo posto. Il potenziale della Red Bull Honda con lui non ha brillato, avrà tempo di crescere.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna

Lascia un commento