F1 | GP Europa: analisi passo gara

GP d’Europa a Baku che inizia nel segno delle Mercedes. Le Frecce d’Argento non hanno rivali in pista e i primi degli inseguitori sembrano essere i due della Force India.

Su una pista dal degrado apparso non eccessivo, è stato spettacolare il modo in cui sia Hamilton che Rosberg hanno approcciato al nuovo tracciato di Baku, in Azerbaijan. Le due Mercedes hanno da subito imposto il ritmo su tutti gli altri, dimostrando di avere consistenza e regolarità. A tratti, oggi, sembravano neanche spingere più di tanto, con il solo Hamilton che ha provato un giro un tantino più tirato stampando un 45”102 nella seconda sessione che è valso il tempo più veloce di giornata. In linea generale le due Mercedes hanno lavorato sull’affinamento dell’assetto e in fase di simulazione di gara hanno dimostrato di essere molto molto avvantaggiati, più che su altre piste.

I primi degli inseguitori, udite udite, non li vediamo ne nelle Ferrari (apriamo un discorso a parte sulla scuderia di Maranello tra un attimo), ne nelle Red Bull. E’ infatti la Force India subito dietro le Frecce di Stoccarda, al di la delle posizioni di classifica. Il motore Mercedes e la buona aerodinamica del team indiano sembrano funzionare su un tracciato caratterizzato da due grandi rettilinei (uno di questi è il più lungo del mondiale) e il tratto misto – con curve ad angoli retti – del circuito azero.

Vettel-Baku-2016Ferrari molto indietro, all’apparenza un passo avanti a Red Bull al momento, me decisamente staccate dai primi in quanto a tenuta del passo. Analizzando i tweet e le comunicazioni che team e piloti si scambiavano, c’era molta difficoltà nel mandare in temperatura le gomme anteriori, problema causato in parte dalla riduzione di carico aerodinamico alare che si è scelto per la conformità del tracciato. In linea generale la Ferrari è stata dai 2 ai 2.5 secondi più lenta della Mercedes sia in fase di simulazione qualifica che in simulazione gara e per quanto questi numeri possano non essere veritieri essendo solo al venerdi, ci appare estremamente improbabile una rimonta al vertice nei successivi due giorni del weekend. Le faccie scure ai box e le dichiarazioni non molto incoraggianti di Sebastian Vettel a fine giornata sembrano confermare un venerdi di estrema difficoltà per il team italiano.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento