F1 La McLaren-Honda può fare il miracolo?

foto: Racecar Engineering
foto: Racecar Engineering

10 novembre 2015 – La Honda ha capito dove sono gli errori nella progettazione della sua power unit e sta già provando a recuperare il deficit di potenza. Spera di compiere il miracolo e di essere competitiva il prossimo anno.

Già vedendo per la prima volta la McLaren-Honda di quest’anno si capiva che il team di Woking aveva cercato di minimizzare l’ingombro della power unit, rastremando il più possibile il posteriore della monoposto. Proprio questa scelta progettuale sembra essere la causa della poca potenza del motore giapponese, che infatti non riesce a recuperare energia con la parte ibrida. L’unità endotermica (ICE) ha circa 30 cavalli in meno del motore Mercedes, ma non sembra il problema più grosso, infatti il deficit totale di potenza stimato è di circa 80 cavalli, mcl_perciò 50 derivano dal recupero di energia. Le stime del ritardo da Mercedes per i concorrenti è di circa 15/20 cavalli per Ferrari e di 60 Renault.

Questi 50 cavalli che mancano al team anglo-giapponese sono da ricercare quasi tutti nella MGU-H, l’inefficienza di questa componente è la causa dei problemi di prestazione, soprattutto nei lunghi rettilinei dove la parte ibrida gioca un ruolo determinante. Dobbiamo ricordare che la MGU-H non è soggetto alle stesse restrizioni della MGU-K e può essere utilizzata più liberamente durante un giro. Per risolvere questo problema bisogna aumentare la grandezza del gruppo turbo compressore, che era stato sottodimensionato proprio per minimizzare l’ingombro della power unit (un po’ la strada seguita in Ferrari lo scorso anno).

mclaren Jenson Button leads Fernando Alonso.Il secondo problema da affrontare è quello riguardante il telaio, anche se in molti all’inizio lo pensavano il migliore del circus, alla fine non si è dimostrato così performante. Secondo Arai il motore sarà grande come quello Mercedes e perciò questo aumento delle dimensioni peserà sulle prestazioni aerodinamiche della vettura. Se veramente la power unit tornerà ad essere competitiva, auspicabilmente avrà un deficit di una trentina di cavalli, l’aerodinamica dovrà migliorare anch’essa tantissimo per poter far tornare competitiva la McLaren-Honda.

Il gap ora dalla Mercedes è di circa 2 secondi, per far avvenire questo miracolo e recuperare il distacco dal team tedesco la McLaren-Honda dovrà lavorare in maniera coesa, senza rimbalzarsi la colpa fra motoristi e telaisti. Un buono spirito di squadra, abbiamo visto quest’anno in Ferrari, può far  lavorare tutti meglio e in modo sereno. Riuscire ad arrivare sul podio il prossimo anno sarebbe la dimostrazione che i miracoli ogni tanto accadono.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Luca Stefanini

Ho 25 anni,sono un ingegnere meccanico e amo lo sport. Seguo soprattutto il calcio e la Formula 1.

Lascia un commento