F1 Motori: Ferrari si muove, Mercedes attende

2 giugno 2015 – Si avvicina il GP del Canada e con il passare dei giorni si scoprono sempre più le scelte tecniche che le varie squadre hanno preparato per la trasferta Nord Americana. Tra queste la Ferrari, mentre la Mercedes spiazza tutti con una scelta “conservativa”.

di Antonio Granato  

Ferrari – Come già da tempo  anticipato dalla Gazzetta dello Sport – e lo abbiamo detto più volte – la Ferrari porterà in Canada un nuovo motore, scelta non certo dell’ultimo momento, visto che certe delicate decisioni non si possono ovviamente prendere a pochi giorni da una trasferta oltre oceano. Aldilà delle tempistiche che hanno portato a tali scelte decisioni, ciò che conta è che a Maranello hanno lavorato sodo per portare in pista un motore rivisto nei componenti legati alla combustione e che costerà alla Scuderai Ferrari 3 gettoni (ne resteranno poi 7 per i prossimi sviluppi).

Sebastian-Ferrari-Rosberg-Mercedes-Malasia_MEDIMA20150408_0035_5

In arrivo anche un nuovo carburante della Shell ma che secondo le informazioni raccolte non dovrebbe apportare nessun incremento diretto di CV al motore. La nuova benzina Shell infatti sarebbe stata modificata solo per favorire le nuove soluzioni tecniche al sistema di combustione che richiedevano ed imponenvano anche degli interventi alle caratteristiche del carburante. Naturalmente il tutto concorrerà in un incremento prestazionale ma non dovuti a studi specifici sulla chimica della benzina per aumentarne la potenza ma per assecondare le richieste dei motoristi che ne avevano richiesto caratteristiche specifiche. Incremento di CV che dovrebbe attestarsi intorno ai 10 – 15 CV la massimo.

Mercedes – In casa Mercedes invece a sorpresa i tecnici tedeschi hanno deciso i non spendere neanche un solo gettone di aggiornamento sulla loro PU. D’altronde da quello che si è visto in pista il motore Mercedes non ha problemi ne di potenza, ne tanto meno di affidabilità, con ben 6 GP disputati per ogni sua unità e senza soffrire il ben più minimo problema tecnico. Un’affidabilità di questo tipo denuncia anche come forse questa PU non è neanche sfruttata a pieno, portandola quindi poi a chilometraggi da primato!



Antonio Granato

F1Tech JO -- Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk -- ex AZ Technical Engineer -- Contributor: http://ilfattoquotidiano.it and @Autosprint -- FIA accredited Twitter: @antoniogranato www.antoniogranato.com