F1 | Ferrari, modifiche all’ala posteriore

1 novembre 2014 – Ad Austin la Ferrari porta ha portato in pista degli aggiornamenti tutti concentrati al miglioramento dell’aerodinamica e del carico dell’ala posteriore.

E’ stato di fatto portata in pista quasi una nuova ala, che è stata modificata maggiormente nelle zone delle due paratie. E’ stato realizzato, infatti, un diverso disegno dell’end-plate. (Vedi det.1 e det.2) Riprendendo un po’ la soluzione utilizzata già a Spa. (vedi .3).

di ferrari_ALA

E’ stata poi modificata la disposizione degli slot orizzontali ed aggiunti due ulteriori slot più in basso (vedi det.4) a seguire l’andamento inferiore del profilo principale. Una soluzione questa che è stata utilizzata anche dalla Red Bull (vedi foto sotto) nella primissima parte della stagione, quando non utilizzava i classici slot orizzontali nella parte alta dell’ala.

slot_3_red_bull_2

Questa soluzione infatti viene utilizzata per ridurre alle alte velocità il carico e quindi la resistenza aerodinamica dell’ala. Prelevando l’aria dall’esterno la si immette sul dorso del profilo per innalzare un poco la bassa pressione in quella zona e ridurre quindi la “deportanza”. Probabilmente in Ferrari, vista la conformazione del tracciato texano, dove si raggiungono anche alte velocità di punta, si è cercato di ottenere una soluzione che limitasse il drag.

Infine non meno importante, è stato modificato anche il bordo d’uscita alare del flap superiore mobile, dove ad un profilo con due intagli laterali, è stato sostituito un profilo con un sola V posizionata al centro del flap.

comp_ali_

In molti hanno parlato di questa ala come di una soluzione sperimentale per il 2015, a noi sembra poco probabile anche perché le sperimentazioni per il prossimo anno sono state affidate solo e sempre a Raikkonen, mai ad Alonso, che invece ha lungamente provato quest’ala. Secondo noi pertanto questa ala è stata preparata specificatamente per questa gara e la riposta l’avremo domani se verrà impiegata anche nelle qualifiche e quindi anche in gara.



Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato