F1 | Le novità tecniche della Ferrari F138 a Melbourne

Melbourne, 14 Marzo 2013 – C’era tantissima attesa intorno alle prime verifiche tecniche di questa mattina a Melbourne, tutti gli appassionati aspettavano le prime immagini dalla città australiana per scoprire quali fossero le modifiche apportate alle monoposto alla vigilia del primo week-end di gara del 2013.

Le attese degli appassionati non sono state deluse, già ieri in questo [articolo] vi avevamo parlato della novità introdotta dalla Williams al suo impianto frenante, ma oggi a rubare un pochino di più la scena è stata la Ferrari, con più di qualche novità sulla sua F138.

Occhi puntati sulla ormai famosissima feritoia sotto il musetto, ed invece con grande sorpresa si scopre che è la grande assente. Dalle prime immagini che arrivavano dall’Australia non si riusciva a capire bene in un primo memento, ma poi successivamente, quando sono arrivate immagini più chiare è stato sciolto ogni dubbio. Qui sotto una comparazione tra la soluzione vista nei test invernali, dove era presente la feritoia e sotto quella attuale di Melbounre dove non è più presente la fessura.

feritoie_comparazione

 

Se la feritoia sulla scocca non è più presente, sul musetto qualcosa è ancora rimasto. Al posto della feritoia che si sarebbe accoppiata perfettamente con quella sulla scocca, ora sono presenti 2 fessure diverse. Lo scopo probabilmente sarà sempre quello di eliminare lo strato limite “vecchio” ma per il momento attendiamo immagini migliori che ci possano aiutare a interpretare meglio quanto modificato.

2_fessure

 

Altra grossa novità introdota dalla Ferrari per questa trasferta di Melbourne riguarda la modifica al cofano motore e, ancora una volta, alla zona degli scarichi. Nella foto successiva è evidentissimo come la parte finale del cofano motore sia stata allungata fino ad arrivare all’altezza del semi-asse carenato e della “vela”. Ancora una volta modificata la conformazione degli scarichisempre più vicini al suolo ad accompagnare sempre più il getto dei gas di scarico nel punto più in basso e ravvicinato possibile. Da notare anche la modifica al piccolo profilo verticale (cerchio giallo) di fianco al pneumatico posteriore, risulta più alto ed allungato, con una parte superiore ad arco. Probabilmente in Ferrari si sono accorti che era necessaria una maggiorazione di questo profilo in modo da proteggere di più la gomma dai gas caldi, ma anche e sopratutto per indirizzare una quantità maggiore di gas nella zona del diffusore.

cofano_motore_Ferrari

 

Ulteriori modifiche sono state apportate alle ali anteriori, (almeno in quelle installate sulla vettura presentata in verifica tecnica, bisognerà poi vedere se verranno installate anche sulle vetture che prenderanno parte alle sessioni ufficiali) e alle prese d’aria dei freni anteriori. In quest’ultima zona sono state aggiunte delle alette orizzontali per migliorare i flussi d’aria in una zona in cui sono già presenti molto turbolenze. Nella foto sotto un dettaglio di questo particolare di micro-aerodinamica.

aletta_freni

 

 

Twitter: @antoniogranato


Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato