La F1 introduce i nuovi regolamenti tecnici 2026

La FIA ha rivelato i tanto attesi regolamenti tecnici che definiranno il futuro del Campionato del Mondo di F1 dal 2026 in poi. Questi regolamenti sono stati sviluppati in collaborazione con i gruppi di lavoro tecnici della F1, i team e i produttori di motori.

Rendering F1 2026 Credits: @fia via X

Il concetto di “Nimble Car”

Al centro dei regolamenti tecnici del 2026 c’è il concetto di “Nimble Car”, che mira a migliorare la guidabilità e la competitività in pista. Le nuove vetture saranno più leggere di 30 kg rispetto a quelle attuali, migliorando efficienza e maneggevolezza. In basso un video esplicativo ufficiale FIA.

Power unit ridisegnata

Le nuove power-unit combineranno in modo equilibrato la combustione interna e l’energia elettrica, con un aumento del 300% della potenza della componente elettrica che passa a 320 KW erogabili nell’unità di tempo. Allo stesso tempo l’energia del motore a combustione interna si riduce in manierea sensibile arrivando a 400 KW. Quindi una sostanziale tendenza all’equiparazione tra endotermico ed elettrico. Questo ridisegno punta a mantenere le alte prestazioni riducendo al contempo le emissioni. Tra l’altro, dal 2026, sei produttori di motori saranno impegnati in F1: Ferrari, Mercedes, Alpine (Renault), Honda, Audi e Red Bull Ford Powertrains.

Carburante Sostenibile al 100%

Le vetture del 2026 utilizzeranno carburante completamente sostenibile, sottolineando l’impegno della F1 verso una maggiore sostenibilità ambientale. I biocarburanti dunque saranno una parte attiva importante per raggiungere l’obiettivo del “Net-carbon zero” fissato per il 2030.

Aerodinamica Attiva

Uno degli aspetti che desta più scalpore in questa fase di cambiamento regolamentare è la parte dei sistemi di aerodinamica attiva, con le ali anteriori e posteriori che saranno mobili su tutti i loro profili ma – attenzione! – anch’esse attivabili dal pilota. Questo sistema elimina l’attuale DRS che dal 2013 è presente in F1 e che ha rappresentato per molti un concetto estremamente anti-sportivo visto che è utilizzabile soltanto per chi attacca rendendo quasi inoffensivo il pilota che subisce il sorpasso. Ma da capire come verrà regolamentato questo particolare aspetto che, se non ben gestito, rischia di diventare semplicemente un Drag Reduction System 2.0. 

Opportunità di sorpasso con il “Manual Override Mode”

Un nuovo “Manual Override Mode” permetterà una maggiore distribuzione della potenza elettrica per l’auto che segue, aumentando le opportunità di sorpasso. Questo sistema assomiglia un po’ al push-to-pass usato da diversi anni in Indycar (e prossimo all’eliminazione in quella categoria) con la differenza che permetterà di sfruttare la componente MGU-K della della power-unit. Restiamo in attesa di conoscere maggiori dettagli su quando e dove in pista potrà essere attivato ma di suo è già un passo avanti netto rispetto all’ingannevole DRS.

Miglioramenti alla Sicurezza

Le nuove vetture saranno dotate di strutture più robuste e test ancora più rigorosi per garantire la massima sicurezza dei piloti.

Nikolas Tombazis, Direttore Tecnico dei Monoposto della FIA

Interessanti le parole di Tombazis sul tema:

“Con questi regolamenti, abbiamo sviluppato una nuova generazione di vetture che sono leggere, estremamente veloci e agili, mantenendo al contempo l’avanguardia della tecnologia. Il nostro obiettivo è stato quello di creare auto più dinamiche e focalizzate sulle abilità del pilota, migliorando anche la sostenibilità e la sicurezza.”

Riepilogo innovazioni nei Regolamenti Tecnici del 2026

Power unit

  • La potenza derivata dall’elemento di combustione interna (ICE) diminuirà a 400 kW, mentre la potenza della batteria aumenterà a 350 kW.
  • Rimozione del MGU-H e aumento della potenza elettrica per una maggiore rilevanza stradale.
  • Recupero energetico raddoppiato durante la frenata.

Telaio

  • Dimensioni ridotte per una maggiore agilità: lunghezza massima ridotta a 3400 mm e larghezza a 1900 mm.
  • Peso minimo ridotto a 768 kg.
  • Riduzione del carico aerodinamico del 30% e della resistenza aerodinamica del 55%.

Aerodinamica

  • Sistemi di aerodinamica attiva per migliori prestazioni in curva e velocità massima.
  • Ali anteriori e posteriori mobili.
  • Rimozione degli archi delle ruote anteriori per migliorare le prestazioni del flusso d’aria.

Sicurezza

  • Strutture di impatto frontale a due stadi.
  • Maggiore protezione contro le intrusioni laterali.
  • Aumento delle forze di carico del roll bar e introduzione di luci di sicurezza laterali.

Sostenibilità

  • Carburante completamente sostenibile utilizzabile in qualsiasi veicolo ICE.
  • Maggiore utilizzo di energia elettrica nelle unità di potenza.
  • Obiettivo di raggiungere la neutralità carbonica entro il 2030.

A seguire potete trovare un video esplicativo FIA che sintetizza tutte le modifiche che entreranno in vigore dal 2026.