lunedì, Ottobre 3, 2022

F1 | Wolff: “Mercedes ancora non è al livello di Ferrari e Red Bull”

Toto Wolff ammette che nonostante i podi nelle ultime sei gare, la Mercedes ancora non è al livello di Ferrari e Red Bull.

di Federico Caruso | @fclittlebastard

Come in tutte le estati che si rispettino, durante la consueta pausa della F1, molti personaggi di spicco del circus rilasciano dichiarazioni e tracciano una linea per un resoconto della prima parte della stagione.

toto wolff
Toto Wollf Mercedes F1

Anche Toto Wolff, attraverso un’ intervista rilasciata pochi giorni fa, fotografa in maniera critica la prima metà di stagione di F1 del team Mercedes. La squadra di Brackley ha affrontato quella che potremmo chiamare una stagione dai mille colori. Secondo le prove al simulatore, prima dell’inizio di stagione, era la favorita. Tutti i parametri riscontrati al simulatore, davano il team Mercedes al top della classifica per le prestazioni rilevate. Ma poi la pista, come molte volte accade in questo sport, è un brutto risveglio. Anche per chi è un decennio che vince mondiali di seguito. Le difficoltà della loro monoposto nelle prime gare della stagione di F1 sono stato un grande punto di domanda per tutti. Soprattutto ci si chiedeva se mai fossero riusciti a risalire la classifica e tornare competitivi.

Nelle ultime sei gare sono saliti sempre a podio. Ma Toto Wolff avverte, che nonostante i risultati positivi, tutti i problemi riscontrati sulla Mercedes W13 non sono stati ancora risolti. E che probabilmente, chi si aspetta di trovare la Mercedes in lotta con i team in testa, dopo la pausa estiva, si sbaglia. Già il GP di Ungheria non è stato un vero e proprio banco di prova, nonostante la pole position di Russell e il giro veloce di Hamilton in gara.

“E’ stato un weekend nel complesso difficile perché la sofferenza del venerdì è stata davvero grande, non sapevamo davvero in quale direzione guardare. Forse sbagliare così tanto venerdì è stato utile per far bene, quasi del tutto, domenica.”

Per Wolff l’Ungheria è stato un insieme di fattori perfetti che hanno reso incredibile il weekend Mercedes. E per questo motivo non bisogna tenerlo troppo in considerazione per determinare il valore reale attuale del team. Le variazioni di condizioni meteo da caldo a freddo hanno aiutato la Mercedes.

“Dobbiamo stare attenti perché non è specifico per Budapest che siamo appena atterrati nella finestra perfetta. Anche perché le altre squadre, Ferrari in particolare, si sono lamentate del fatto che la gomma non fosse come sarebbe dovuta essere. Quindi, secondo la mia personale opinione, ancora abbiamo un gap con i primi, abbiamo visto che Leclerc con la gomma giusta è ancora una forza dominante, ma almeno siamo nella stessa gara. Non voglio dire che ora all’improvviso siamo di nuovo in gioco e possiamo vincere le gare perché non credo sia così. Penso che abbiamo ottenuto un buon risultato al sabato a Budapest e abbiamo raccolto i risultati. Ma non penso che siamo abbastanza vicini a Ferrari e Red Bull per combatterli davvero.”

Hamilton e Russell
Hamilton e Russell F1 2022

Lo stato di forma Mercedes passo dopo passo sta tornando quello della stagione passata che la ha proclamata squadra campione del mondo di F1 in carica. Ma la differenza tra un team principal vincente ed uno no, sta nel come analizzare i momenti e rispondere a situazioni difficili.

“Avrei voluto più vittorie e meno podi. Siamo umili, ma puntiamo a vittorie in gara piuttosto che a secondi o terzi posti. Ma se sono di merito come oggi, allora è un buon passo avanti.

Al ritorno dalla pausa estiva troveremo una Mercedes ancora più forte ma sempre dietro a Ferrari e Red Bull? O il solito Toto Wolff mette le mani avanti per non scoprire le carte? Aspettiamo il prossimo GP e vedremo se sarà lotta a tre per il primo posto.

Federico Caruso
Federico Caruso
Nato a Roma sotto il segno dei motori turbo V6 nel 1984. Sono sempre alla ricerca di qualcosa che mi sappia emozionare come Ayrton Senna. Scrivo con passione per amore della F1.

Ultimi articoli

3,655FollowersFollow
1,150SubscribersSubscribe